La Lega apre all’ingresso di Maria Giovanna Maglie in RAI. Secco il no da parte del M5s: “Vogliamo una televisione senza raccomandati”.

ROMA – Il nome di Maria Giovanna Maglie fa discutere nella maggioranza. Ad aprire la polemica è stato il segretario dell’Usigrai, Vittorio Di Trapani su Twitter: “Qualcuno in RAI – scrive – vuole affidare la striscia informativa in prima serata che fu di Enzo Biagi a Maria Giovanna Maglie, la quale non risulta iscritta all’Ordine dei Giornalisti da circa tre anni“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Immediata la risposta del M5s che ribadisce il suo no alla nomina della Maglie: “La RAI che vogliamo non ha raccomandati – scrive il partito su Facebook la Maglie è stata raccomandata da Craxi (cit. Maria Giovanna Maglie). La RAI che vogliamo non SPERPERA i soldi pubblici. La Maglie spese 150 milioni di lire per gli italiani. La RAI che vogliamo non è legata alla politica. La Maglie è passata dalla vicinanza al Partito Comunista, poi a quello socialista e poi a Berlusconi. La RAI che vogliamo guarda al FUTURO non al passato. La Maglie è legata al vecchio sistema“.

Di seguito il post del MoVimento 5 Stelle

La Rai che vogliamo non ha raccomandati!La Maglie è stata raccomandata da Craxi (cit. Maria Giovanna Maglie). La Rai…

Pubblicato da MoVimento 5 Stelle su Venerdì 1 febbraio 2019

RAI, la Lega smentisce M5s: “Si tratta di una professionista vera”

Nessun passo indietro da parte della Lega che prende le difese di Maria Giovanna Maglie: “Queste interessanti polemiche confermano – dichiara il segretario del Carroccio della commissione di Vigilanza Massimiliano Capitanio che la scelta di un professionista vero, intelligente e a tratti vulcanico, è assolutamente azzeccata per confezionare un prodotto indipendente, nuovo e destinato a creare dibattito. Da giornalista difendo l’ordine e tutti i suoi satelliti, ma vorrei e che l’attenzione fosse rivolta a ben altri casi dove il tesserino è stato brutalmente e velocemente svenduto a logiche commerciale“.

Maria Giovanna Maglie
Maria Giovanna Maglie (fonte foto https://www.facebook.com/mariagiovannamaglie/)

Sulla vicenda è intervenuta anche la diretta interessata: “Il fatto di non essere iscritta all’Ordine non penso sia un problema – dichiara ai microfoni dell’AGI – mi sono semplicemente dimenticata di pagare la quota. Di questa pratica si occupava mio padre ma ora non c’è più. Pagherò il dovuto e mi metterò in regola. Mi tengo fuori da questa polemica politica e spero di non venire insultata e calunniata come persona. Altrimenti mi rivarrò nelle sede opportune“.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/mariagiovannamaglie/


Blitz del ministro Grillo all’Umberto I di Roma: pulizia indecorosa

Silvio Berlusconi a Circo Massimo: Salvini mi sta rubando voti, italiani si ravvedano