Roma, rapina in casa di Smalling: il calciatore è stato tenuto in ostaggio con la moglie da tre malviventi che hanno fatto irruzione a volto coperto.

Brutta disavventura per Smalling, vittima di una rapina in casa e tenuto in ostaggio insieme con la moglie. Il calciatore della Roma non aveva preso parte alla sfida di Europa League contro l’Ajax per un problema al ginocchio.

Rapina in casa di Smalling, il calciatore tenuto in ostaggio con la moglie

In base alle prime ricostruzioni della vicenda, tre uomini hanno fatto irruzione in casa del calciatore intorno alle 3 del mattino del 16 aprile. I malviventi, con il volto coperto, hanno preso in ostaggio il calciatore e la moglie e si sono fatti indicare il luogo dove tenevano nascosta la cassaforte.

I rapinatori si sono dati alla fuga con un bottino di decine di migliaia di euro tra contanti, orologi e gioielli.

I compagni di squadra e gli amici si sono immediatamente stretti intorno a Chris Smalling e alla sua famiglia. Il calciatore e la moglie hanno vissuto ore di vero terrore.

Chris Smalling
Chris Smalling

Le indagini degli inquirenti e la caccia ai rapinatori

A lanciare l’allarme sarebbe stato lo stesso Smalling. Gli agenti sono arrivati intorno alle cinque del mattino e hanno trovato il calciatore visibilmente provato per quanto accaduto. Scosso, traumatizzato. Sono in corso le ricerche della banda di rapinatori. Le forze dell’ordine stanno battendo il quadrante Sud della Capitale. Il calciatore è stato ascoltato dagli inquirenti per maggiori dettagli sugli aggressori. Non si esclude che possano essere visionate le immagini delle telecamere di sicurezza per provare a ricostruire la fuga dei malviventi.


In Brasile mancano i sedativi: i malati vengono legati a letto e intubati da svegli

Sparatoria nei pressi di un deposito FedEx a Indianapolis, almeno 8 morti