Coronavirus, 'Economia italiana colpita al cuore': l'allarme di Confindustria

‘Economia italiana colpita al cuore’, l’allarme di Confindustria sull’emergenza coronavirus

Confindustria lancia l’allarme sull’emergenza coronavirus: “Economia italiana colpita al cuore”.

Emergenza coronavirus, Confindustria lancia l’allarme sulle conseguenze sulle’economia italiana, messa a dura prova dalla crisi.

Confindustria lancia l’allarme sull’emergenza coronavirus

Nella prima parte del rapporto condiviso dal centro studi di Confindustria si analizzano i possibili effetti della crisi sanitaria, economica e sociale.

“Mai nella storia della Repubblica ci si è trovati ad affrontare una crisi sanitaria, sociale ed economica di queste proporzioni. Il pensiero va ai malati ed alle loro famiglie, ed agli eroi che ogni giorno lavorano con rischi enormi per la loro cura in tutto il Paese e specie nelle regioni che soffrono le conseguenze più dure. La salute è il bene primario, ed ogni contributo affinché si possano alleviare e contrastare le conseguenze dell’epidemia è cruciale”, recita il rapporto di Confindustria.

Le relazioni sociali ed economiche sono colpite in modi gravi, imprevedibili fino a poche settimane orsono. I consueti comportamenti individuali e collettivi, le relazioni tecnologiche tra fattori produttivi ed output, i meccanismi consolidati di trasmissione delle politiche pubbliche, i rapporti internazionali di scambio, sono alterati ed in alcuni casi del tutto saltati. Più che quello di prevedere il futuro, questo è il tempo di agire affinché il nostro Paese, la nostra società, possano affrontare adeguatamente questa fase drammatica e risollevarsi quando l’emergenza sanitaria sarà mitigata”.

Confindustria
fonte foto https://www.facebook.com/confindustria/

Confindustria, “Economia italiana colpita al cuore”

Nella seconda parte del rapporto si analizzano invece le ripercussioni sull’economia italiana, “colpita al cuore” dall’emergenza coronavirus.

Economia italiana colpita al cuore. Uno shock imprevedibile ha colpito l’economia italiana a febbraio 2020, quando è iniziata la diffusione nel Paese del virus COVID-19. Si tratta di uno shock congiunto di offerta e di domanda: al progressivo blocco, temporaneo ma prolungato, di molte attività economiche sul territorio nazionale, necessario per arginare l’epidemia, si è associato un crollo della domanda di beni e servizi, sia dall’interno che dall’estero.

Le prospettive economiche, in questa fase di emergenza sanitaria, sono perciò gravemente compromesse. Non è chiaro, inoltre, con quali tempi esse potranno essere ristabilite neppure dal lato dell’offerta.

Nelle previsioni che qui presentiamo, ipotizziamo che nel settore manifatturiero saranno attive queste percentuali di imprese nei prossimi mesi, nell’ipotesi che la fase acuta dell’emergenza sanitaria si vada esaurendo alla metà del secondo trimestre dell’anno.

Aprile: 40% all’inizio; 60% alla fine del mese; maggio: 70% all’inizio; 90% alla fine del mese; giugno: 90% all’inizio; 100% alla fine del mese. Anche con queste ipotesi, la caduta stimata del PIL nel secondo trimestre rispetto a fine 2019 è attorno al 10% (Grafico A). Inoltre, la ripartenza nel secondo semestre sarà comunque frenata dalla debolezza della domanda di beni e di servizi”.

Di seguito il rapporto condiviso da Confindustria sul proprio sito ufficiale.

ultimo aggiornamento: 31-03-2020

X