Inps, a giugno +99,8% le ore di cassa integrazione straordinaria

Inps, a giugno record di ore di cassa integrazione straordinaria

L’allarme dell’INPS: nel mese di giugno +99,8% di ore di cassa integrazione straordinaria. Aumentano i rapporti di lavoro a tempo indeterminato.

ROMA – Segnali positivi e negativi dall’ultimo rapporto dell’Inps sul lavoro. L’Istituto di previdenza nel rapporto ha segnato un +113,8% su base annua per le assunzioni a tempo indeterminato nei primi cinque mesi del 2019. Si conferma, quindi, un boom delle trasformazioni da contratto a termine a indeterminato.

In cinque mesi le assunzioni del privato sono stati oltre tre milioni mentre le due milioni sono state cessazioni: “Si conferma – si legge nel rapporto – l’inversione di tendenza fra l’andamento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato e quello dei rapporti a tempo determinato. In particolare il saldo annualizzato dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato è passato da -30mila di maggio 2018 a +365.00 di maggio 2019, quello dei rapporti a tempo determinato e passato da +304.000 di maggio 2018 a -157.000 di maggio 2019“.

False mail INPS

INPS, numeri negativi per la cassa di integrazione

Numeri negativi, invece, per quanto riguarda le domande di casse di integrazione. L’Inps ha precisato come c’è stato un aumento del 42,6% nel mese di giugno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’allarme viene lanciato soprattutto per il numero delle ore di cassa integrazione straordinaria che ha avuto un aumento quasi del 100%.

Numeri maggiori anche per quanto riguarda le domande di disoccupazione che su base annua hanno registrato un +1,3%.

INPS, i numeri confermano l’andamento incerto dell’Italia

I numeri dell’INPS hanno confermato un andamento incerto dell’Italia. Il rapporto ha ribadito l’aumento dei contratti a tempo indeterminato ma a preoccupare sono i numeri della cassa integrazione straordinaria. Nel mese di giugno si è avuto un +99,8% delle ore. Percentuale che preoccupa molto il Governo che è al lavoro per cercare di rilanciare il nostro Paese.

Nelle prossime settimane è previsto anche il punto sul tasso di disoccupazione da parte dell’Istat che dovrebbe confermare quanto detto dall’INPS.

ultimo aggiornamento: 19-07-2019

X