Il rapporto dell'Inps sul lavoro: ecco tutti i numeri del documento

Lavoro, aumentano i contratti stabili. Ad agosto crollo della cassa integrazione

Il rapporto dell’Inps sul lavoro. In aumento i contratti stabili mentre ad agosto crolla la cassa integrazione. Ecco tutti i dati.

ROMA – Il rapporto dell’INPS sul lavoro. L’Osservatorio dell’ente nazionale ha evidenziato di un aumento del 148,3% dei contratti a tempo indeterminato nel nostro Paese nei primi sette mesi di agosto. Bene anche le trasformazioni dei contratti da tempo indeterminato a determinato con un +57,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le buone notizie, però, non finiscono qui. Nei sette mesi le assunzioni sono state quasi un milione in più rispetto alle cessazioni nel privato.

Numeri che fanno ben sperare per il futuro. Il mondo del lavoro continua ad avere un andamento molto altalenante anche se fino a questo momento sono maggiori le notizie positive rispetto a quelle negative. Non ci resta che aspettare i prossimi mesi per fare un resoconto annuale e capire se le riforme adottate dal governo giallo-verde sono servite a rilanciare l’economia lavorativa.

Crolla la cassa integrazione ad agosto: ecco tutti i dati

Il rapporto dell’INPS fa il punto anche sulla cassa integrazione. Un numero nel mese di agosto inferiore rispetto a quanto evidenziato un anno fa. Si tratta di un -42,3% su base annua mentre quanto riguarda quella straordinaria c’è stato un dato di -64,9%. Aumentano, invece, gli interventi in deroga (+19,6%).

False mail INPS

Buone notizie dal mondo del lavoro

Le notizie per quanto riguarda il mondo del lavoro sono sicuramente molto positive. La crescita può far guardare con molta più fiducia al futuro anche se in questo momento l’andamento continua ad essere molto altalenante. Nei prossimi mesi si potrà capire se si è usciti definitivamente dalla crisi oppure se ancora si è in una fase non semplice per quanto riguarda le assunzioni.

Ma secondo le ultime stime il 2019 si dovrebbe concludere in positivo. Un buon segnale in vista dell’anno prossimo, forse quello della svolta.

ultimo aggiornamento: 19-09-2019

X