Istat, Pil e occupazione in calo nel 2020: le prospettive per l’economia italiana.

Sono allarmanti i dati dell’Istat con le previsioni sul Pil nel 2020, con il Prodotto Interno Lordo che dovrebbe registrare un calo dell’8,3%. E la situazione non è migliore analizzando i dati sul lavoro.

Istat, Pil in calo nel 2020: le prospettive per l’economia italiana

Nel documento Prospettive per l’economia italiana, l’Istat fa il punto sul Pil e sull’occupazione sia per quanto riguarda il 2020 che per quanto riguarda il 2021. Nel mese di maggio, evidenzia l’Istituto, si registrano i primi segnali di ripresa legati alla riapertura delle attività. Questo potrebbe dare una spinta positiva al Pil che dovrebbe alla fine dell’anno dovrebbe far registrare una flessione dell’8,3%.

In base a queste ipotesi si prevede una marcata contrazione del Pil nel 2020 (-8,3%) e una ripresa parziale nel 2021 (+4,6%, Prospetto 1). Nell’anno corrente la caduta del Pil sarà determinata prevalentemente dalla domanda interna al netto delle scorte (-7,2 punti percentuali) condizionata dalla caduta dei consumi delle famiglie e delle ISP (-8,7%) e dal crollo degli investimenti (-12,5%), a fronte di una crescita dell’1,6% della spesa delle Amministrazioni pubbliche. Anche la domanda estera netta e la variazione delle scorte sono attese fornire un contributo negativo alla crescita (rispettivamente -0,3 p.p. e -0,8 p.p.)”.

Operai Industria
Operai Industria

Il mondo del lavoro

Per quanto riguarda il mondo del lavoro aumentano i disoccupati e gli inattivi.

L’evoluzione dell’occupazione, misurata in termini di ULA, è prevista evolversi in linea con il Pil, con una brusca riduzione nel 2020 (-9,3%) e una ripresa nel 2021 (+4,1%). Diversa appare la lettura della crisi del mercato del lavoro attraverso il tasso di disoccupazione, il cui andamento rifletterebbe anche la decisa ricomposizione tra disoccupati e inattivi e la riduzione del numero di ore lavorate. L’andamento del deflatore della spesa delle famiglie manterrebbe una intonazione negativa nell’anno corrente (-0,3%) per poi mostrare modesti segnali di ripresa nell’anno successivo (+0,7%)”.

Le previsioni e l’analisi

L’Istat ha voluto evidenziare nel rapporto che si tratta di previsioni in qualche modo meno attendibili del solito e per diversi motivi. L’Italia è alle prese con una situazione eccezionale.

Non è possibile prevedere esattamente la capacità di reazione del Sistema. Inoltre non è possibile sapere se l’Italia dovrà fare i conti con una seconda ondata e se sarà costretta nuovamente a paralizzare l’attività produttiva.

“In questo contesto, caratterizzato anche dalla presenza di significative revisioni degli indicatori economici tradizionali, quantificare l’impatto dello shock senza precedenti che sta investendo l’economia italiana è un esercizio connotato da ampi livelli di incertezza rispetto al passato, quando la persistenza e la regolarità dei fenomeni rappresentava una solida base per il calcolo delle previsioni. Il quadro previsivo presentato va quindi interpretato come una prima sintesi dei risultati delle attività di utilizzo e interpretazione del complesso delle fonti informative disponibili e di adeguamento dei modelli previsivi, e come tale destinato a possibili revisioni nei prossimi mesi, congiuntamente all’arricchimento dell’informazione congiunturale disponibile”.

Di seguito il test integrale del rapporto dell’Istat.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus economia evidenza pil

ultimo aggiornamento: 08-06-2020


Coronavirus, l’allarme di Confcommercio: “Pressione della malavita sulle imprese”

Coronavirus, firmato il patto per l’Export. Di Maio: “Accordo per il Made in Italy” – VIDEO