Rating, sicurezza delle banche e strumenti per la comprensione di tale sicurezza, questi gli argomenti della guida odierna.

Rating e Banche

La sicurezza bancaria per un cliente è un importante fattore per valutare al meglio la sua scelta. In Italia alcune delle banche che si ritengono più sicure sono secondo l’Università Bocconi connesse a sette indici impiegati per definirne la sicurezza:
tre indici sono quelli detti di patrimonializzazione ovvero:

  • Cet1
  • Tier 1
  • Total capital ratio

Essi rappresentano gli indicatori della vigilanza europea sulla solidità.
Un criterio è quello sulla redditività, ovvero il margine d’interesse più il saldo da commissioni e altri ricavi, che si riflette sul totale attivo. Questo parametro è ovviamente connesso anche all’andamento in Borsa.
L’altro parametro è quello relativo ai due Isc ovvero all’Indicatore sintetico di costo annuo che dà un prezzo di riferimento del conto corrente.
Queste considerazioni erano però del 2015 mentre nel 2017 la situazione, anche in virtù della crisi, è cambiata.

Banche 2017 nuovi ranking

Il rating delle Banche italiane è andato via via peggiorando con la crisi e il debito pubblico, e le Agenzie che ne hanno valutato le potenzialità sono diventate sempre più severe. Attualmente (dati del febbraio 2017) la Banca italiana più sicura è Mediolanum, mentre molte ombre si sono addensate su Unicredit.
Dal 2015 la situazione delle Banche italiane come detto, è molto cambiata e nel 2017 il rischio fallimento di molti istituti di credito rientra tra le possibilità da prendere seriamente in considerazione.
Successivamente ai casi di fallimento del novembre 2015 di Banca Etruria, Banca delle Marche, Cassa di risparmio di Ferrara e CariChieti, per i quali erano stati decisi i salvataggi, ad inizio 2016 a finire nel mirino dei controlli della Banca Centrale Europea erano state Banca Carige, MPS, Unicredit, Banca Popolare, Bpm, mentre venivano salvate banche come Ubi Banca, Banca Intesa, MedioBanca e Credem e Banco Popolare di Sondrio.

certificato_unicasim


Ribilanciamento del portafoglio cosa significa e quando si applica

I Criteri di ammissione AIM, quali sono e cosa rappresentano