Bufera sul Ravello Festival: Roberto Saviano contro Vincenzo De Luca, Antonio Scurati lascia la guida della Fondazione.

In Campania tiene banco il caso del Ravello Festival, con lo scontro a distanza tra il noto scrittore e giornalista Roberto Saviano e il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. E il caso si fa ancora più spinoso dopo le dimissioni dello scrittore Antonio Scurati, che ha lasciato la Fondazione Ravello.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca

Saviano, “De Luca blocca la mia presenza al Ravello Festival”

“Vincenzo De Luca blocca la mia presenza al Ravello Festival. Nessun problema, don Vicié, non ci sarò… arripigliateve tutt’ chell che è o vuost…”, scrive Roberto Saviano, che poi parla della vicenda in un lungo video pubblicato sui social. Lo scrittore informa che Vincenzo De Luca ha bloccato la sua partecipazione al Ravello Festival. La vicenda si è conclusa con le dimissioni di Antonio Scurati, il noto autore che da poche settimane era alla guida della Fondazione Ravello.

“Mi sono immaginato il presidente De Luca che riceve l’elenco degli ospiti del Festival di Ravello e vede il mio nome comparire gli ultimi giorni di agosto“, dice Saviano, che prosegue imitando De luca: “Ah, e qua ci sta Roberto Saviano. E come si è permesso Scurati d’invitarlo. A casa mia, Roberto Saviano. Non esiste proprio, va cancellato“. E poi, prosegue lo scrittore: “Più o meno credo che abbia fatto così don Vincenzo, lo sceriffo. Che considera la Campania una sua proprietà, il suo regno, gli piacerebbe essere di Napoli. Mah, forse ci riuscirà, non ora però“.

Saviano assicura che la sua partecipazione sarebbe stata a titolo assolutamente gratuito, quindi il veto sul suo nome non può avere motivi economici.

Don Vicié

Vincenzo De Luca blocca la mia presenza al Ravello Festival. Nessun problema, don Vicié, non ci sarò… arripigliateve tutt chell che è o vuost…

Posted by Roberto Saviano on Friday, June 18, 2021

Le dimissioni di Scurati

Mi sono bastati, purtroppo, pochi giorni per accertare che i soci fondatori della Fondazione Ravello non rispettano la libertà intellettuale e ignorano i valori della cultura – Scrive Scurati. Da uomo di cultura e, soprattutto, da uomo libero, scelgo di rassegnare le dimissioni dalla carica di presidente“.

Il ruolo di De Luca

In base alla informazioni che trapelano a mezzo stampa, sembra che De Luca non abbia apprezzato due appuntamenti in programma: quello con Roberto Saviano e quello con il ministro della Salute Roberto Speranza. E secondo le accuse si sarebbe opposto soprattutto alla presenza dello scrittore.

Il comunicato della Fondazione

“Cda e cdi non sono mai stati interpellati dal presidente Scurati”, è la replica della Fondazione Ravello affidata ad un comunicato ufficiale su una vicenda che rischia di farsi particolarmente spinosa.


Due lettere con proiettili a Valeria Ciarambino (M5s), si valuta la scorta

Elezioni presidenziali in Iran, vince Ebrahim Raisi