Razgatlioglu vince il titolo con una gara di anticipo rispetto alla fine della stagione 2021 della Superbike. Futuro in MotoGP per il neo-campione del Mondo?

Toprak Razgatlioglu si laurea campione del Mondo nella categoria Superbike al termine di un 2021 fantastico, dominato e controllato con l’intelligenza di un campione completo, uno in grado di dare del tu alla pista e alla moto, uno bravo a leggere la gara e le situazioni che si trova di fronte.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Razgatlioglu campione del mondo Superbike 2021: “Dedico questo campionato a mio papà”

Razgatlioglu vince il titolo in Indonesia e lo fa con una gara di anticipo rispetto alla fine della stagione. Vince il Mondiale con un secondo posto che consolida e blinda definitivamente il vantaggio su Rea. Il maggior numero di vittorie nel corso della stagione incorona il pilota turco, il terzo più giovane a vincere il titolo Superbike.

Prima di tutto voglio ringraziare la mia famiglia e Kenan Sofuoglu, grazie al mio team, ha fatto un lavoro pazzesco tutto l’anno. Siamo arrivati fino a qui nel bene e nel male. È davvero una giornata speciale per me oggi, dedico questo campionato al mio papà, è sempre stato il mio sogno e lui non c’è più, ma io sento che mi sta guardando. Sono molto contento, è una giornata incredibile, siamo campioni, grazie a tutti, sono stanco e sono anche un po’ timido e non so cosa dire“, sono state le prime parole di Razgatlioglu.

MotoGP Formula 1 Formula E
MotoGP Formula 1 Formula E

Futuro in MotoGP per Razgatlioglu?

E ora ci si interroga sul futuro del neo-campione del Mondo della Superbike. In molti danno per scontato il suo passaggio in MotoGP, ma a complicare la questione potrebbe essere proprio l’ambizione del ragazzo. Razgatlioglu sarebbe lieto di completare il suo percorso di crescita nella competizione madre ma vorrebbe farlo in sella ad una moto ufficiale. Non che non abbia dimostrato di meritarla. “Tutti dicono che la Yamaha MotoGP mi piacerà, ma gomme e freni sono diversi. Serve tempo per adattarsi. Sicuramente, se non mi troverò bene con la moto, non mi muoverò dalla Superbike. Allo stesso modo, se non otterrò un buon contratto, non passerò in MotoGP. Ho bisogno di un buon progetto anche lì. E voglio una moto ufficiale“, aveva dichiarato il pilota prima ancora di diventare Campione del Mondo Superbike.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 21-11-2021


Formula 1, Verstappen, Sainz e Bottas dai commissari per il mancato rispetto delle bandiere gialle

Giovannini, nuovo Piano per la sicurezza stradale. Obiettivo zero vittime