Il Real Madrid vince la prima edizione della Coppa dei Campioni, battendo in finale lo Stade Reims. Al “Parco dei Principi” i francesi sono sempre in vantaggio ma Rial segna il gol della vittoria.

Nel 1955 si disputa per la prima volta la Coppa dei Campioni. Il torneo nasce dopo una lunga diatriba tra France Football e la stampa inglese: Oltremanica le competizioni internazionali vengono snobbate, in quanto i club di Sua Maestà ritengono di essere migliori di tutte le altre compagini. Era stato così per la Coppa Europa e, successivamente, per la Coppa Latina. La neonata Uefa, spalleggiata dalla Fifa, convoca così i delegati di 16 delle migliori formazioni del Vecchio Continente. La soluzione della partecipazione riferita ai campioni nazionali sarà adottata dalla stagione successiva.

La strada verso la finale

La Coppa dei Campioni del 1955/56 chiama alla partecipazione squadre blasonate come Real Madrid e Milan, oltre a formazioni di sicuro livello come Stade Reims, Voros Lobogo e lo Sporting Lisbona. Le sedici squadre vengono abbinate negli ottavi di finale in gare a eliminazione diretta con sfide tra andata e ritorno. In semifinale arrivano Real Madrid, Milan, Stade Reims e Hibernian: gli spagnoli superano i rossoneri mentre i francesi hanno la meglio sugli scozzesi.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

https://www.youtube.com/watch?v=GhfBRLBQwnI

La finalissima di Parigi

Il 13 giugno 1956, al “Parco dei Principi” di Parigi, va in scena la finale della Coppa dei Campioni Real Madrid-Stade Reims. La gara, arbitrata dall’inglese Ellis, si mette subito bene per i francesi che al 10′ sono già sul doppio vantaggio grazie alle reti di Leblond e Templin. Di Stefano riapre il match e Rial pareggia alla mezzora. Nella ripresa Hidalgo porta ancora avanti lo Stade Reims ma gli spagnoli non mollano e prima Marquitos pareggia, poi Rial al 79′ segna il gol della vittoria del Real Madrid.


Euro 2020, Belgio-Russia 3-0. La Finlandia batte la Danimarca. 1-1 tra Galles e Svizzera

Da Manfredonia e Muamba, i casi di arresto cardiaco in campo ‘a lieto fine’