Le reazioni della politica alla manifestazione No Green Pass a Roma. Netta la condanna di Pd e Forza Italia.

ROMA – Sono state diverse le reazioni della politica alla manifestazione No Green Pass a Roma. Il Pd con Enrico Borghi ha scritto sui social che “la realtà si è incaricata di smentire chi sostiene che il fascismo sia solo folklore e nostalgia. La manifestazione odierna di Roma, con evidente e preordinata regia, è sfociata in violenze, occupazioni e minacce contro istituzioni, forze dell’ordine, cittadinanza. Ancora una volta, a forza di seminare vento si raccoglie la tempesta della violenza e della sovversione“. E Letta ha chiesto di sciogliere Forza Nuova.

La condanna di Forza Italia e di Gualtieri

Come riportato dall’Ansa, anche Forza Italia ha duramente condannato quanto successo a Roma. “Quello che sta accadendo è inaccettabile – le parole su Twitter di Antonio Tajani – forze dell’ordine aggredite, bombe carta lanciate in pieno centro. Mi auguro che i responsabili vengano individuati al più presto“.

Una condanna che è arrivata anche da Gualtieri e Calenda sui social. Il premier Draghi, come il presidente Mattarella, ha chiamato il segretario Landini e ribadito che si tratta di una “violenza inaccettabile“.

Roberto Gualtieri
Roberto Gualtieri

Di Maio: “Questi non sono manifestanti”

Anche Di Maio si è pronunciato sull’accaduto con un post sui social. “Questi non sono manifestanti – scrive il ministro – sono delinquenti. Massima vicinanza alle Forze dell’Ordine. Basta con questa violenza inaudita, basta strumentalizzare i vaccini e il green pass: stanno salvando vite umane ed evitando nuove chiusure. Con la salute non si scherza. La politica condanni, senza se e senza ma. Non devono esserci dubbi: la vita è una cosa preziosa“.

E il ministro Speranza ha aggiunto: “Quanto accaduto durante la manifestazioni di Roma è squadrismo inaccettabile. Esprimo la mia solidarietà alla Cgil e alle forze dell’ordine per le violenze odierne“.

Notizia in aggiornamento

ultimo aggiornamento: 09-10-2021


Michetti: “Bertolaso commissario per rifiuti e Giubileo”. Lui: “Sono pronto”

Morra: “Criminalità va ricercata nelle prefetture e al ministero dell’Ambiente”. Lamorgese: “Chiarisca”