Le reazioni al voto della Camera sul governo Conte. Zingaretti e Crimi soddisfatti.

ROMA – Le reazioni sono state immediate al voto della Camera sul governo Conte. Montecitorio ha approvato con maggioranza assoluta la fiducia al presidente del Consiglio.

Zingaretti e Crimi soddisfatti

Soddisfazione da parte della maggioranza. Il primo a commentare i risultati di Montecitorio è stato il leader del Partito Democratico Nicola Zingaretti con un breve post sui social: “Ottimo! Maggioranza assoluta alla Camera. Un fatto politico molto importante. Ora avanti per il bene dell’Italia“.

Anche da parte di Vito Crimi un messaggio di sostegno al premier: “Il voto della Camera è un segnale positivo per il Paese. E’ la giusta risposta che la politica doveva dare ai cittadini, Assunzione di responsabilità e volontà di proseguire l’importante lavoro fatto fin qui“.

Si spacca Forza Italia, Polverini passa con Conte

Primi problemi, invece, in Forza Italia. La deputata Renata Polverini ha deciso di lasciare il partito di Silvio Berlusconi e passare al fianco di Giuseppe Conte. La comunicazione è arrivata dopo il sì alla fiducia al presidente del Consiglio.

Polverini è la leader della destra. Conte fa la maggioranza con chiunque“, il commento di Matteo Renzi che ha aggiunto: “Vedremo come andrà al Senato. Puoi avere la fiducia con un voto in più, ma rischi di andare sotto nelle commissioni“.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

I timori del PD al Senato

Il via libera della Camera, però, non rassicura il Partito Democratico. Come riferito da La Repubblica, il segretario Zingaretti ha espresso i suoi timori per il passaggio al Senato: “La stretta è strettissima, sono fiducioso che prevarrà il bene comune“.

Un voto che potrebbe cambiare il destino di questo esecutivo. Una maggioranza relativa potrebbe portare il presidente Mattarella a riflettere se continuare con questo esecutivo oppure prendere la situazione in mano in prima personal.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 19-01-2021


Letizia Moratti ad Arcuri: “Ripartizione dei vaccini sia fatta anche in base al Pil delle regioni”

Conte alla prova del Senato. “Difficile lavorare con chi semina mine, il Paese merita un governo coeso”