Record italiano per Yeman Crippa sui 3000 metri. Il nuovo primato nazionale è stato firmato nella prova di Diamond League in Gran Bretagna.

GATESHEAD (GRAN BRETAGNA) – Record italiano per Yeman Crippa sui 3000 metri. L’azzurro nella prova di Diamond League in Gran Bretagna è riuscito a fermare il cronometro sui 7’37″90, migliorando il precedente di 7’38″27 stabilito lo scorso settembre al Golden Gala di Roma.

Una buona prova per il nostro atletica in ottica Olimpiadi. L’ottavo posto conclusivo è un segnale sicuramente positivo, anche se la medaglia a Tokyo sembra essere molto difficile. Per questo per Crippa l’obiettivo resta quello di arrivare in finale per poi sperare nella sorpresa. E non si esclude la possibilità di riuscire a migliorare ancora il primato italiano.

Crippa: “E’ stato un buon test

Soddisfatto Yeman Crippa dopo la gara. “Per come ero partito e come stavo correndo, si poteva fare anche un tempo migliore – il commento dell’azzurro ai microfoni della Fidal ho avvertito un dolorino alla parte bassa della schiena, intorno a metà gara. Ho sofferto un po’, non respiravo al meglio, ma sono riuscito a reagire negli ultimi metri e fare anche la volata […]“.

Non potevo essere al massimo della condizione vista la preparazione delle ultime settimane – ha aggiunto – ma è tutto da vedere in prospettiva olimpica. E’ stato un buon test e si ratta sempre di un record italiano. Ora l’importante è fare bene a Tokyo“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Federazione Italiana Atletica Leggera
fonte foto https://www.facebook.com/fidal.it

Italia a Tokyo con diverse punte

L’Italia a Tokyo con diverse punte per quanto riguarda l’atletica. L’infortunio della Iapichino priva l’arco azzurro di una delle frecce importanti, ma non mancano i talenti e per questo motivo ci aspettiamo dei risultati importanti. L’obiettivo minimo per tutti è centrare la finale e poi sperare di piazzare la sorpresa per salire su uno dei gradini del podio e cercare di far suonare l’inno italiano.


Giochi olimpici, Los Angeles 1984: il boicottaggio comunista e l’impresa di Carl Lewis

Tour de France, successo di Pogacar sul Col du Portet