Prende forma il Recovery plan italiano: sono una sessantina i progetti che hanno superato l’analisi preliminare.

Tra i temi caldi della scena politica italiana c’è il Recovery fund insieme con il piano italiano che entra nel vivo con la formazione della cabina di regia e la messa a punto dei progetti che dovranno essere messi a punto con i soldi stanziati dall’Ue.

La cabina di regia dell’Italia

La formazione della cabina di regia del Recovery plan italiano ormai è nota: Conte e due ministri, poi sei manager e un centinaio di tecnici che andranno a comporre la base della Piramide. La maxi-squadra ha il compito di non disperdere fondi ed energie e soprattutto di evitare annose perdite di tempo. Anche perché mai come in questo caso il tempo è denaro.

La sfida è complessa ma il punto fermo, condiviso da tutti, è chiaro: l’Italia deve uscire migliora da questa crisi. Certo, la missione non è semplice, anche alla luce della crisi economica che sta interessando il Paese.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Gualtiere: “Il peggio è passato”

Proprio della situazione economica ha parlato il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri a Sky Tg24 LIVE IN a Courmayeur

“Sicuramente il peggio è passato, naturalmente questa seconda ondata ci ha costretto a prendere delle nuove indispensabili misure restrittive e questo avrà un impatto ma così come si è visto che misure molto energiche di rilancio […]. Siamo fiduciosi che avremo una robusta ripresa anche nel 2021 […]. Contiamo di avere un rimbalzo molto forte e teniamo per ora la nostra previsione di +6%”.

Roberto Gualtieri
Roberto Gualtieri

Recovery fund, prende forma il piano italiano: 60 progetti circa hanno superato l’analisi preliminare

Del Recovery fund invece aveva parlato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ai microfoni de la Repubblica.

“Con i ministri approfondiremo anche la sessantina di progetti che hanno superato il vaglio preliminare e che sono ormai in dirittura finale. Li raggrupperemo in 17 clusters […]. Esprimeranno una chiara visione del Paese individuando le carenze strutturali del Paese”

Ci sarà un comitato ristretto deputato a vigilare con costanza tutta la fase attuativa. Ne faremo parte io, il ministro dell’Economia e il ministro dello Sviluppo Economico“.

Conte ha presentato anche alcuni aspetti pratici del piano, come ad esempio il piano per potenziare l’offerta degli asili nido, il programma dedicato alla rivoluzione degli edifici pubblici per renderli più sostenibili, efficienti e vivibili.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
economia politica recovery fund

ultimo aggiornamento: 06-12-2020


Natale e Covid, i viaggi mancati fanno perdere 10,3 milioni di turisti

Biglietti aerei per Natale in esaurimento. E il prezzo aumenta…