Il Premier Conte pronto ad avviare i lavori per la stesura del piano nazionale per il Recovery fund. Ma c’è da chiudere la partita del Mes.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è intenzionato a risolvere presto la partita tecnica sulla gestione dei fondi del Recovery fund. Già in settimana dovrebbe andare in scena la prima riunione della cabina di regia che dovrà occuparsi della stesura del piano nazionale che nei prossimi mesi dovrà essere inviato a Bruxelles. E parliamo di un documento di grande importanza. In base ai contenuti del piano l’Ue deciderà se l’Italia può ricevere i fondi e quanti.

Recovery Fund, Conte vuole un cambio di passo

Il premier, che sente la pressione di un passaggio storico per l’Italia e per l’Europa, non vuole sprecare la grande occasione. E soprattutto non vuole farlo per le divisioni nella sua maggioranza. Per questo motivo chiede ai suoi un cambio di passo.

Giuseppe Conte
16/05/2020 Roma – conferenza stampa Presidente del Consiglio dei Ministri / foto Alessandro Serrano’/Pool/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte

La partita del Mes

Le discussioni ci saranno, è inevitabile. L’orientamento del premier, per evitare di rimanere nel pantano, è quello di far valere il proprio ruolo assumendosi la responsabilità di dire l’ultima parola. E presto o tardi dovrà farlo anche sul Mes.

Per Conte il Salva Stati andrà attivato solo se strettamente necessario. Per Pd e IV già potrebbe esserlo. Per il Movimento 5 Stelle potrebbe non esserlo mai.

I fondi europei passano dal confronto con il Centrodestra

Chiusa la partita interna Conte dovrà confrontarsi anche con le Opposizioni, che non sembrano propriamente propense al dialogo. Soprattutto se il governo non dovesse iniziare a prendere in considerazione le proposte avanzate in questi mesi di crisi sanitaria ed economica. E il primo banco di prova sarà la votazione sul nuovo scostamento di bilancio da 25 miliardi.

Matteo Salvini
Roma 28/08/2019 – consultazioni Quirinale / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Matteo Salvini

Recovery fund, si ragiona al piano di investimenti

Ovviamente sono già iniziate le riflessioni sul piano di investimenti, e già sono stati individuati alcuni settori dove si ritiene necessario intervenire. Con i fondi europei si investirà al Sud, ad esempio per regalare anche al Mezzogiorno l’Alta Velocità, avvicinando quindi il Nord e il Sud, divisi da tempi di viaggio improponibili. Così come spesso sono improponibili anche le condizioni di viaggio.

Come noto gli investimenti interesseranno anche la conversione verde e la digitalizzazione del Paese e del sistema della Pubblica Amministrazione.

Si interverrà anche nel mondo della scuola e in generale dell’istruzione.

Le tante idee, questi sono solo alcuni spunti, dovranno essere ordinate e inseriti in un crono-programma. Una sorta di tabella di marcia richiesta anche dall’Europa, chiamata poi a controllare se il Paese è in grado di fare quanto scritto e assicurato.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
evidenza Giuseppe Conte News politica recovery fund

ultimo aggiornamento: 28-07-2020


Hugo Chavez, il leader bolivariano del Venezuela

Convegno Covid, Salvini: ‘Saluto col gomito è la fine della specie’. Zangrillo, Virus clinicamente morto