La Red Bull contro la FIA per l’accordo sulla Ferrari per quanto riguarda il caso power unit del 2019: “Hanno screditato uno sport”.

Si riaccende lo scontro tra Red Bull e Ferrari, con le parole durissime di Helmut Marko che ha commentato l’accordo riservato tra FIA e Ferrari parlando di un suicidio politico di Jean Todt.

Max Verstappen Interlagos
fonte foto https://twitter.com/redbullracing

Accordo FIA-Ferrari, protesta il mondo della Formula 1

L’accordo confidenziale raggiunto tra la FIA e la Ferrari dopo le indagini sulla power unit del 2019 non è piaciuto al mondo della Formula 1. Diversi team hanno firmato una lettera di protesta indirizzata direttamente alla FIA ma che doveva colpire in qualche modo anche il Cavallino. La denuncia è chiara. Ad oggi non si sa se la Rossa abbia barato (per usare le parole utilizzate dalla Red Bull la scorsa stagione) oppure no. E non si sa che tipo di accordo sia stato raggiunto dalle parti. Manca trasparenza.

Sebastian Vettel
fonte foto https://twitter.com/ScuderiaFerrari

Helmut Marko, Red Bull, contro la FIA: “Con la FIFA c’è solo una lettera di differenza”

Dopo la lettera delle Scuderie arriva anche l’attacco della Red Bull, che con Helmut Marko ha paragonato il caso FIA al caso FIFA, uno scandalo che ha travolto il mondo del calcio. Insomma, non propriamente un complimento

Intervenuto ai microfoni di Munchner Merkur, Marko ha puntato il dito contro la FIA: “Tutta questa questione ha raggiunto proporzioni paragonabili a quanto avvenuto nella FIFA e tra FIA e FIFA, c’è solo una lettera di differenza“.

“In qualsiasi altra organizzazione questo sarebbe un suicidio politico da parte di Jean Todt. La FIA ha screditato uno sport nel quale investiamo ogni anno numeri a tre cifre e parliamo di milioni di euro”.


MotoGP, Jorge Lorenzo ritorna in gara: l’annuncio del pilota

A Losail in pista Moto2 e Moto3: il resoconto