Redditi: Lombardia la più ricca, Basilicata ultima

Il Geography Index 2016 dell’Osservatorio Jobpricing ha eletto la regione con il più alto reddito: è la Lombardia. Maglia nera per la Basilicata.

chiudi

Caricamento Player...

La media nazionale del reddito si attesta intorno ai 29.176 euro annui lordi ed è Milano la città più ricca, parlando di stipendi dei dipendenti del settore privato. Il report del Geography Index 2016, prodotto dall’Osservatorio Jobpricing, evidenzia come a Milano la media degli stipendi sia pari a 34.000 euro. La Lombardia guida con 31.542 euro di media.

Il trio sul podio

La prima regione italiana a più alto reddito si conferma quindi la Lombardia. Al secondo posto si piazza in classifica il Trentino Alto Adige, mentre la medaglia di bronzo è per l’Emilia Romagna.

Rispetto al report dello scorso anno, le regioni che hanno messo in evidenza una maggiore dinamicità e che hanno recuperato più punti sono: Toscana, Umbria, Abruzzo, Campania, Calabria e Sardegna. Ultima in classifica è la Basilicata: la media del reddito è di 24.051 euro.

Roma si installa solo al decimo posto tra le città, con 30.685 euro.

Come si spiega il dominio di Milano? Lo chiarisce Mario Vavassori dell’Osservatorio JobPricing in un comunicato apparso su Repubblica; anche se in Lombardia il costo della vita è superiore rispetto a quello delle altre regioni italiane, gli stipendi più elevati si spiegano così:

“La natura del mercato occupazionale, che riflette il tessuto imprenditoriale: è maggiormente contraddistinto rispetto ad altre regioni da figure specialistiche e manageriali, che alzano il valore medio degli stipendi”.

Noi e l’Europa

La grande differenza tra Nord e Sud risiederebbe nelle retribuzioni d’ingresso, decisamente poco competitive rispetto a quelle del resto dell’Europa; per quanto riguarda invece le retribuzioni dei manager, le differenze con il resto del Continente sarebbero assenti.

Gran parte dei problemi deriva dal fatto che i nostri studenti parlano a malapena l’inglese, hanno una scarsa formazione a livello di tecnologie digitali e di professionalità: questo ci penalizza molto al confronto col resto degli europei.

Maglie nere

Le maglie nere, ancora una volta, spettano alle regioni del sud e alle isole: in media, rispetto ai redditi del resto d’Italia, il gap è di 3.400 euro.

Le ultime tre regioni in classifica sono Molise (24.852 euro), Calabria (24.211) e la già citatata Basilicata, fanalino di coda nel report.