Referendum, plebiscito di sì! Affluenza: Veneto al 57%, Lombardia oltre il 38%

I primi dati sul referendum per l’autonomia dicono che in Veneto ha votato circa il 57% mentre in Lombardia non si è superato il 40%. Grande soddisfazione dei due governatori.

chiudi

Caricamento Player...

ORE 12.00 – A spoglio ultimato, questi i dati definitivi: in Lombardia i sì hanno raggiunto il 96,03% mentre i no si sono fermati al 3,97%; in Veneto, i sì al referendum hanno toccato il 98,1% contro appena l’1,9% dei no.

ORE 7.00 – Dopo la chiusura delle urne è iniziato lo spoglio e i primi dati sono inequivocabili, con il 98% di sì in Veneto. Una sorta di plebiscito. In Lombardia, i favorevoli al referendum sull’autonomia sono intorno al 95%.

Si sono chiuse le urne in Lombardia e Veneto, dove quasi 12 milioni di aventi diritto sono stati chiamati al voto sul referendum per l’autonomia. L’iniziativa referendaria di Lombardia e Veneto si è mossa nel quadro dell’articolo 116 della Costituzione che riconosce alle Regioni a statuto ordinario la possibilità di accedere a condizioni differenziate di autonomia nelle materie concorrenti elencate nell’articolo 117. L’esito è consultivo e non vincolante. Per la validità del referendum in Veneto è richiesto che l’affluenza superi il 50%+1 mentre in Lombardia non è previsto il raggiungimento del quorum.

Veneto, raggiunto il quorum

I primi dati sull’affluenza dicono che in Veneto si è recato a votare il 59,5% degli elettori mentre in Lombardia si è superato il 40%. Dopo qualche ora, corretto il dato veneto, con una percentuale di votanti al 57,2%. In Lombardia, invece, si è recato a votare il 38,2% degli aventi diritto.

Esultano Zaia e Maroni

Questa Regione dà il via a un big bang di riforme istituzionali. Le prime cose da fare? Noi chiediamo tutte le 23 materie, lo dico subito, e i nove decimi delle tasse“, ha dichiarato il governatore del Veneto Zaia. Roberto Maroni, governatore della Lombardia, si è detto “pienamente soddisfatto per il risultato che arriva intorno al 40%“.