Il Segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti annuncia il suo sì al referendum per il taglio dei parlamentari: “A questo atto possono seguire altre riforme”.

“Ecco perché mentre propongo il Sì, dobbiamo respingere le motivazioni banali che il taglio del numero dei parlamentari farebbe risparmiare soldi allo stato. I risparmi sarebbero minimi e non costituiscono il motivo principale del sì. Il motivo principale sta nel fatto che a questo atto possono seguire altre riforme“, ha dichiarato il Segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti parlando alla Direzione del Pd come riferito dall’Ansa.

Referendum taglio dei parlamentari, Zingaretti dice sì

Zingaretti conferma quindi il suo indirizzo in vista del referendum sul taglio dei parlamentari, una battaglia storica del Movimento 5 Stelle che ha diviso il Partito democratico.

Nelle ultime settimane Luigi Di Maio ha detto e ribadito che il taglio dei parlamentari rappresenta solo il primo passo di un piano di riforme. E nel piano di riforme è prevista anche la riforma della legge elettorale.

Sul tema della riforma della legge elettorale Pd e Movimento 5 Stelle devono trovare l’intesa con Italia Viva di Matteo Renzi, che aveva frenato facendo sapere di non ritenere prioritaria la misura in un momento delicato come quello della ripresa dall’emergenza coronavirus.

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti

Zingaretti, “Credo che le sfide che abbiamo davanti aprano nuove possibilità”

Noi non stiamo al governo a tutti i costi, ci stiamo finché il governo fa cose utili al Paese. Nel momento in cui la Repubblica dovesse entrare in una situazione involutiva, l’impegno del Pd sarebbe inutile. Ma io non credo che siamo in questa situazione, credo anzi che le sfide che abbiamo davanti aprano nuove possibilità“, ha aggiunto il numero uno del Partito democratico.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Il tanto atteso Recovery fund rischia di diventare un problema

Giorni decisivi per Silvio Berlusconi. Il nuovo bollettino medico