Regionali, Di Maio e Zingaretti in pressing per dare vita alle alleanze. Ma la strada è in salita.

ROMA – Di Maio e Zingaretti in pressing sulle alleanze in vista delle prossime Regionali. I no di Crimi e dei singoli candidati di Puglia e Marche hanno portato l’ex leader del partito a chiedere, attraverso una nota, di mettere da parte il passato e pensare a dare risposte agli italiani.

Ritengo che sia opportuno – si legge nella nota citata da La Repubblicainvestire ogni energia per trovare gli accordi laddove sia possibile. L’ascolto dei territori, come ho ribadito in più occasioni, resta la priorità“.

“Un bene confrontarsi e provarci”

Il ministro degli Esteri è ritornato anche sulle parole di Conte: “Il suo è un pensiero più che legittimo, sottolineando l’importanza di ascoltare i territori. Siamo tutti consapevoli che per governare bene l’Italia ci sia bisogno di amministratori responsabili e le prossime elezioni sono uno snodo cruciale“.

Ed è arrivato un chiaro invito al suo partito: “E’ un bene confrontarsi e provarci dove le condizioni lo consentono. Lavoriamo per dare risposte agli italiani e non facciamoci tirare dentro a diatribe che non ci appartengono“.

Giuseppe Conte Luigi Di Maio
Roma 10/09/2019 – voto sulla fiducia al Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte-Luigi Di Maio

Zingaretti: “Il Pd è coerente”

Anche Nicola Zingaretti è tornato sulla vicenda: “Rispettiamo il dibattito all’interno dei grillini, ma il Partito Democratico vuole metterci la faccia e non regalare la vittoria alle destre. Dobbiamo combattere con tutti coloro che vogliono governare bene le Regioni per non far trionfare Salvini“.

In conclusione un nuovo appello ai grillini: “Sostenete queste candidature. Io sono contento della coerenza del Pd, che sostiene un Governo e che nei territorio sostiene le uniche candidature che sono in grado di fermare le destre“. Ed ora si attende la risposta grillina.

Scarica QUI il Decreto Agosto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Furbetti del bonus, spunta una senatrice leghista

Stati Uniti, arrestato Steve Bannon. L’ex collaboratore di Trump è accusato di frode