Mancano i regolamenti attuativi per le auto usate negli incentivi rifinanziati dal Governo. Ecco tutti i dettagli.

ROMA – I regolamenti attuativi per le auto usate non sono stati inseriti negli incentivi rifinanziati dal Governo. Come riferito dall’Adnkronos, il premier Draghi ha deciso di mettere sul piatto un fondo da 350 milioni di euro che scadranno il prossimo 31 dicembre.

In questo provvedimento, però, non sono state inserite le norme per le vetture usate e per questo motivo le stesse aziende sono dovute correre ai ripari inserendo degli eventi speciali. Non si esclude una modifica nei prossimi giorni da parte dell’esecutivo, ma sicuramente la mancanza metterà in difficoltà un settore che continua ad essere alla ricerca di un rilancio dopo la pandemia.

Il provvedimento del Governo

Per venire incontro ad un settore messo in difficoltà dalla pandemia, il Governo ha deciso di destinare al mondo delle auto usate 40 milioni, fondo da utilizzare per chi acquista un veicolo di seconda mano Euro 6, diesel o benzina. In questo incentivo rientrano anche le vetture con basse emissioni di CO2, vale a dire quelli compresi tra 0 e 160 g/Km e con quotazioni medie di mercato inferiore ai 25mila euro.

Per poter accedere a questo incentivo è necessario rottamare un veicolo immatricolato prima di gennaio 2011 e il bonus varia a seconda delle emissioni del veicolo.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Colori auto
Colori auto

Le iniziative delle aziende

Per cercare di correggere l’errore fatto dal Governo, le aziende hanno messo in campo delle iniziative private per poter aiutare la ripartenza del settore. Per esempio è stato lanciato il Summer Black Friday per tutto il mese di agosto. Si tratta di una offerta valida su oltre 500 vetture e prevede uno sconto extra che arriva ino a.000 euro sull’acquisto di auto nuove, a chilometro zero e usate.

Da settembre lo stesso esecutivo potrebbe intervenire per rimediare all’errore, ma non è ancora chiaro come sarà l’intervento.


MotoGP, orari e info streaming del GP di Stiria

Green pass obbligatorio per baristi e camerieri: l’ipotesi