Formula 1, approvate le modifiche aerodinamiche per il 2019

Regolamento F1 2019: le modifiche entreranno in vigore già dal prossimo anno. L’obiettivo è quello di rendere più facili i sorpassi, aumentando così il tasso di spettacolarità dei gran premi.

I vertici della Formula 1 (la F.1 Commission, il Consiglio della FIA e lo Strategy Group) hanno approvato una serie di variazioni al regolamento tecnico che entreranno in vigore a partire dal mondiale F1 2019. Le novità puntano ad incrementare la spettacolarità della competizione favorendo in particolar modo i sorpassi, attraverso una serie di modifiche all’impostazione aerodinamica delle monoposto.

Cosa cambia con il nuovo regolamento F1 2019

Le modifiche al regolamento F1 riguardano l’assetto aerodinamico. In tal senso, sono state approvate in via definitiva tre importanti modifiche: l’ala anteriore dovrà essere più semplice rispetto a quella utilizzata attualmente (che conta circa 300 componenti). In secondo luogo,non saranno più ammesse le alette che indirizzano i flussi d’aria verso la presa d’aria dei freni. Infine, anche l’ala posteriore dovrà essere modificata, risultando un po’ più bassa ma più larga di quella attuale.

Tali modifiche, come detto, sono mirate al raggiungimento di un obiettivo ben preciso: rendere i gran premi di Formula 1 più spettacolari. Come? Facilitando i sorpassi. Le modifiche aerodinamiche per F1 2019 mirano a ridurre le turbolenze e a far sì che le vetture in scia non perdano carico aerodinamico, in modo tale da poter ridurre le distanze in curva e facilitare i tentativi di sorpasso. Altro fattore non trascurabile: la semplificazione delle parti meccaniche avrà anche un impatto economico, da momento che i tempi di sviluppo dovrebbero essere ridotti, anche i costi dovrebbero diminuire.

Regolamento F1 2019
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/105731165@N07/40241622954

Entro fine maggio le novità da introdurre nel 2021

Mentre questi provvedimenti avranno effetto già dalla stagione 2019 di Formula 1, la FIA sta vagliando le proposte elaborate da Liberty Media da porre in atto a partire dalla stagione 2021. Si tratta di un intervento di ampio respiro, volto sia ad incrementare lo spettacolo, sia a ridurre i costi mediante una distribuzione meritocratica degli introiti.

Le modifiche approvate” – si legge nella nota stampa diramata dal sito ufficiale della FIA il primo maggio scorso – “sono separate dai lavori in corso intrapresi in merito alla definizione del regolamento della Formula 1 a partire dal 2021. In aggiunta alle modifiche aerodinamiche approvate, la FIA sta continuando a valutare una gamma di ulteriori misure volte ad incoraggiare una guida più ravvicinata e un aumento dei sorpassi in Formula 1″.

Le parti in causa prevedono di raggiungere un accordo entro la fine di maggio 2018 quando dovrebbero essere messe nero su bianco le linee guide per lo sviluppo e la realizzazione dei nuovi motori. Stando al progetto proposto da Liberty Media, dal 2021 le monoposto di Formula 1 dovrebbero essere spinte da power unit più economiche (sia in termini di costi di sviluppo che di realizzazione) che strizzano l’occhio alla mobilità sostenibile.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/105731165@N07/41403781032

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/105731165@N07/40241622954

ultimo aggiornamento: 03-05-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X