Le obbligazioni rientrano tra gli strumenti finanziari importanti in un portafoglio di investimenti, tuttavia presentano dettagli che richiedono attenzione.

Anche di questi tempi, con le molte possibilità offerte a chi voglia investire oggi, le obbligazioni rappresentano ancora investimenti validi. Chi acquista delle obbligazioni versa del denaro all’ente che le ha emesse. Questo ente viene definito “emittente” e utilizza i fondi raccolti per finanziare le proprie attività. L’emittente assume l’impegno di restituire i soldi versati alla scadenza stabilita, maggiorati di un interesse.

Radiografia delle obbligazioni

Per capire meglio come funzionano le obbligazioni e quale sia il ruolo dei vari interlocutori e dei parametri che le regolano, vediamo i quattro elementi più importanti:

  1. Emittente
  2. Scadenza
  3. Interesse
  4. Rendimento

L’emittente delle obbligazioni

L’emittente è l’ente che emette le obbligazioni e che in cambio riceve un finanziamento da chi le acquista. A emettere le obbligazioni può essere un’azienda, una banca, una nazione. L’affidabilità e la salute economica dell’emittente danno fiducia alle obbligazioni e costituiscono la prima garanzia della restituzione del capitale che ha costituito gli investimenti, più gli interessi pattuiti.

Scadenza degli investimenti

La scadenza è la data di durata degli investimenti obbligazionari e determina la fine di questo “prestito”. Alla scadenza l’emittente deve restituire il capitale investito e pagare gli interessi. Le obbligazioni sono di tre tipologie, a seconda della scadenza:

  • breve termine
  • medio termine
  • lungo termine

Interesse delle obbligazioni

L’interesse è il prezzo che l’investitore richiede in cambio del denaro che presta. Viene pagato attraverso cedole e ha due scopi:

  1. compensa chi lo richiede del fatto di privarsi di un certo capitale
  2. costituisce una contropartita per il rischio a cui il finanziatore si espone

Rendimento delle obbligazioni

Il rendimento obbligazionale è composto dal guadagno in conto capitale (definito capital gain) e dall’interesse. Il capital gain si ricava quando si compera un titolo a un prezzo inferiore a quello a cui viene rimborsato o ceduto. Se il titolo viene venduto o rimborsato a un valore inferiore rispetto a quello di acquisto, si ha una perdita in conto capitale.

Il rendimento obbligazionale viene pesantemente influenzato dalle commissioni di negoziazione oltre che da eventuali tassazioni.

Scegliere le obbligazioni costituisce una valida opzione per gli investimenti di un privato o di un’azienda. Si tratta di una class asset che se gestita bene può avere ben pochi rischi.

Le obbligazioni non sono uno degli investimenti più facili da gestire e richiedono alcune azioni preliminari.

Innanzitutto è fondamentale condurre una ricerca sull’affidabilità dell’emittente. Inoltre è necessario determinare il rendimento delle obbligazioni.

Fare investimenti acquistando obbligazioni

Proprio come tutti i titoli, anche le obbligazioni possono essere acquistate in due modi.

  1. Sul mercato primario, sottoscrivendole al momento della prima offerta pubblica.
  2. Sul mercato secondario, in borsa, dopo l’emissione

Il fatto che esista un mercato secondario permette all’investitore di rivendere le obbligazioni prima della scadenza dei titoli, nel caso in cui qualche rischio dovesse concretizzarsi in un pericolo o se decidesse di alterare i propri investimenti.

Le obbligazioni strutturate

Per quanto riguarda le obbligazioni strutturate, possiamo dire che queste siano più complesse e meno facilmente comprensibili. Si basano su due elementi

  • una componente obbligazionaria ordinaria – con un eventuale pagamento periodico di cedole per la restituzione del valore nominale del titolo;
  • un contratto derivato – influisce sulla remunerazione dell’investitore in base all’andamento di uno o più parametri finanziari o reali.

Le obbligazioni ordinarie

Le obbligazioni ordinarie sono suddivise in due categorie differenti:

  • obbligazioni ordinarie a tasso fisso – attribuiscono all’investitore interessi fissi;
  • obbligazioni ordinarie a tasso variabile – gli interessi variano in funzione dei tassi di mercato. A parità di condizioni sono investimenti più sicuri, perché offrono rendimenti sempre in linea con quelli del settore.

Come si calcola il rendimento annuo

Per calcolare il rendimento annuo delle obbligazioni, e quindi capire quanto siano efficaci questi investimenti, bisogna avere una serie di informazioni:

  • Data di acquisto
  • Valore nominale
  • Prezzo lordo di acquisto
  • Tasso lordo di interesse
  • Ritenuta fiscale
  • Periodicità cedola
  • Data godimento cedola in corso
  • Data scadenza – Vendita
  • Prezzo di rimborso vendita

Facciamo un esempio, applicando queste informazioni a numeri precisi.

Mettiamo che abbiate acquistato delle obbligazioni in data: 15/07/2010 e che la data di scadenza sia stata il 1° Gennaio 2016, bene il valore nominale è 7.500,00 mentre il prezzo lordo di acquisto è di 102,300, tasso di interesse 4,500%.

Periodicità trimestrale, ritenuta fiscale al 12,5% e data di scadenza sopra evidenziata, da tale calcolo emergerà un rendimento effettivo del 3,497% se il prezzo di rimborso – vendita è di 100 Euro.

Molti sono i portali online dove poter effettuare tale tipologia di calcolo così da rendersi conto sia dell’effettivo rendimento sulla base della data di acquisto, sia dell’eventuale rendimento di altre obbligazioni visto che quelle di Stato hanno una tassazione al 20%.

Tale prodotto rappresenta un prestito, significa che al momento dell’acquisto chi le sottoscrive sta prestando soldi ad uno Stato, ad un’azienda privata o a un ente pubblico. Tale prestito verrà rimborsato, con gli interessi.

In sostanza è proprio questo che rende tale investimento più sicuro di altri.

Un aiuto esperto rende gli investimenti più sicuri

Il settore degli investimenti disponibili al giorno d’oggi è molto variegato. Le variabili sono moltissime e gli scenari sono mutevoli. Un consulente di fiducia capace di consigliare le mosse migliori e seguire gli investimenti è molto importante.

Per conoscere le possibilità esistenti invitiamo a leggere l’articolo Investire oggi: l’importanza di affidarsi a una guida esperta.

Per approfondire ulteriormente questi argomenti, oppure per valutare un corso d’azioni che preveda di appoggiarsi a un’equipe di esperti per individuare degli investimenti sicuri, esiste una risorsa unica e speciale: scopritela subito!

certificato_unicasim


Calcolare il finanziamento per l’acquisto di un auto

Assegno divorzile, tutto ciò che occorre sapere