Renzi attacca M5s e Lega sul Mes in una diretta Facebook: “Prendono in giro gli italiani”.

ROMA – Matteo Renzi attacca M5s e Lega sul Mes in una diretta Facebook. Il leader di Italia Viva sui social spiega i motivi per i quali il Governo deve dire sì al Fondo Salva Stati.

Questa barzelletta – dichiara l’ex premier – deve finire. Sono 37 miliardi di euro a condizioni migliori di qualsiasi prestito e vanno ai cittadini italiani. Quando i grillini e i leghisti fanno polemica sul Mes vi stanno prendendo in giro. In questo momento non possiamo permetterci di buttare via 37 miliardi di euro“.

Renzi ‘spinge’ per la ripartenza

Matteo Renzi continua a chiedere la riapertura dell’Italia: “Bisogna riaprire in sicurezza, sanificare e dare mascherine. Molte imprese si stanno attrezzando con i test sierologici ai dipendenti. Quelli che vogliono vivere con il reddito di cittadinanza e di sussidi ci portano a battere“.

E, infine, l’elogio alla Bce: “La ripartenza dell’Italia è garantita dall’Europea. Senza Bce saremmo già falliti, ditelo a Salvini e Meloni che seguono i deliri ungheresi di Orban. Non c’è ombra di dubbio: la Banca Centrale Europea ci ha salvato dal fallimento”.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

La sinistra in pressing sul premier Conte

L’apertura della sinistra al Mes rischia di aprire una frattura (insanabile?) nella maggioranza. Pd, LeU e Italia Viva in pressing sul premier Conte per il via libera sul Fondo Salva Stati.

Nessun passo indietro da parte del leader italiano che presto potrebbe ribadire pubblicamente il suo no al Mes. Un ritorno al passato impossibile anche per quanto detto nella conferenza stampa dello scorso 10 aprile 2020. Un sì al Mes (anche senza condizionalità) potrebbe aprire ad una crisi di Governo con il rischio di tornare al voto subito dopo questa emergenza coronavirus.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

Pubblicato da Matteo Renzi su Mercoledì 15 aprile 2020

Il Piemonte programma la ‘fase 2’: dal 4 maggio mascherine obbligatorie

La ‘fase 2’ in Lombardia, orari scaglionati per uffici e aziende