Renzi vuole elezioni ad aprile e nuova segreteria Pd

All’assemblea nazionale del Pd, all’Ergife di Roma, Matteo Renzi ha reso note le proprie intenzioni: elezioni ad aprile.

chiudi

Caricamento Player...

Al di fuori del palco dell’Assemblea del Pd, condiviso con il nuovo premier Gentiloni, Renzi ha espresso le proprie intenzioni riguardo al voto. Ha dimostrato di essere ancora il leader incontrastato del Pd e ha parlato di segreteria nuova per il Pd e di elezioni quanto più prossime possibile con il Mattarellum.

Al voto ad aprile

Renzi ha ricordato che, con il voto al referendum del 4 dicembre, la maggior parte degli elettori italiani hanno dimostrato di voler andare subito alle elezioni. L’ex premier si è augurato di votare ad aprile, nella migliore delle ipotesi, o perlomeno massimo nel mese di giugno. Con il Mattarellum, ha dichiarato Renzi, neanche la minoranza riesce a dire di no.

Con questo sistema elettorale (un sistema misto che prevede l’abrogazione del proporzionale), Renzi è convinto che la Lega potrebbe essere favorevole e la riforma avrebbe buone possibilità di essere approvata.
Invece è tutto da vedere come risponderebbero i grillini: certo, il no – secondo l’ex premier – sarebbe la loro risposta primaria, anche perchè, aggiunge, avrebbero paura del voto.

Con lo scandalo che ha travolto Marra, e che potrebbe far saltare la poltrona da sindaca della Raggi, Renzi sostiene che il Pd avrebbe maggiori chance al voto.

Sulla questione del voto ad aprile, Renzi non ha fatto parola sul palco insieme a Gentiloni, anzi gli ha augurato un governo stabile e forte fino a quando durerà.

Riformare la segreteria

Aria nuova anche per la segreteria del Pd. Renzi dichiara sul palco dell’Ergife:

“Rifaccio la segreteria. Chiamo Martina e anche Nannicini per il programma, e Fassino per gli Esteri e poi qualche sindaco, più che i parlamentari”.

Sarà Renzi stesso a stilare le liste per le future politiche, e in attesa di sviluppi annuncia che andrà in viaggio all’estero per scovare nuove idee.