Roberto Formigoni ai domiciliari. Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha revocato la misura cautelare in carcere per l’ex governatore.

MILANO – Roberto Formigoni ai domiciliari. Per il momento. La decisione del Tribunale di Sorveglianza di Milano, che ha accettato la richiesta dei legali, è stata messa in discussione dal Pg che ha deciso di fare ricorso.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Roberto Formigoni ai domiciliari, la Procura fa ricorso

La Procura Generale di Milano ha deciso di presentare ricorso contro la concessione dei domiciliari a Formigoni chiedendo alla Corte di Cassazione di annullare la sentenza con cui ha accolto la richiesta dei legali in quanto potrebbe collaborare con la magistratura facendo luce su alcuni aspetti ancora oscuri del caso Maugeri, per cui era stato condannato a cinque anni e dieci mesi di detenzione.

Roberto Formigoni
Roberta Formigoni (fonte foto https://www.facebook.com/RobertoFormigoniOfficial/)

Condanna Roberto Formigoni, l’ex governatore fuori dal carcere: è ai domiciliari

Sono passati diversi mesi dall’arresto di Roberto Formigoni. Il 22 febbraio 2019 l’ex governatore della Lombardia è stato ritenuto responsabile nell’ambito del caso Maugeri e per questo condannato a 5 anni 10 mesi per corruzione. Una pena da scontare in carcere per i giudici vista l’approvazione della legge chiamata ‘spazzacorrotti’.

Proprio sulla non retroattività di questa riforma i legali di Formigoni hanno cercato di appigliarsi ma la Corte d’Appello aveva ritenuto non accettabile la loro richiesta: “Priva di rilevanza – si legge nella sentenza citata da La Repubblica è ogni questione di legittimità che muova dal presupposto che non può trovare applicazione retroattiva una legge che modifichi in senso sfavorevole al reo la disciplina di istituti che in vario modo incidano sul trattamento penale“.

Una decisione che poteva portare gli avvocati dell’imputato a presentare ricorso in Cassazione nelle prossime settimane ma il Tribunale di sorveglianza ha rivisto la decisione. Per Formigoni le porte del carcere si aprono con l’ex governatore lombardo che continuerà a casa a scontare la pena di 5 anni e 10 mesi.

Formigoni: mai commesso reati

Stando a quanto riportato da il Corriere della Sera, Formigoni, parlando con un suo amico, si sarebbe detto innocente ma consapevole di aver compiuto errori, come quello di non collaborare dal primo momento con gli inquirenti.

Lo stesso Formigoni avrebbe poi parlato dell’esperienza in carcere, facendo sapere che ad aiutarlo in questa esperienza è stata la fede.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/RobertoFormigoniOfficial/

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 01-08-2019


Ddl Giustizia, non c’è intesa in Cdm

Cosa prevede la riforma della Giustizia proposta da Bonafede