I ministri Patuanelli e Gualtieri hanno inviato una lettera a Enel per sostenere la realizzazione del progetto della Rete Unica.

ROMA – Il Governo spinge per la Rete Unica e lo fa indirizzando una lettera ai vertici di Enel.

Patuanelli e Gualtieri: “Rete Unica fondamentale”

La realizzazione del progetto della Rete Unica delle telecomunicazioni favorirebbe la transizione tecnologica del Paese e l’attivazione dei fondi del Next Generation Eu, il cosiddetto recovery fund. I ministri dell’Economia, Roberto Gualtieri, e dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli hanno scritto una lettera inviata al presidente di Enel Michele Crisostomo e all’amministratore delegato, Francesco Starace. “Il governo auspica che, nell’ambito della propria autonomia decisionale, le scelte di codesta società contribuiscano al successo di un progetto di cruciale importanza economica e sociale per il Paese“. E “nell’attuale situazione di emergenza sanitaria tale obbiettivo risulta quanto mai urgente e non rinviabile“.

Nozze tra Enel e Tim?

Un invito istituzionale a favorire le nozze fra Open Fiber, controllata dall’Enel e da Cdp, e FiberCop, la neonata società infrastrutturale controllata da Tim.
Il riferimento è alla proposta di acquisto per la partecipazione in Open Fiber depositata sul tavolo dell’Enel dal fondo australiano Macquarie che ha valutato la società circa 7,7 miliardi. “Il governo ritiene che tale progetto – prosegue la lettera – sia la base di partenza per consentire l’ottimizzazione ed il potenziamento degli investimenti di infrastrutturazione in fibra ottica, accelerando la transizione tecnologica del Paese, in coerenza con gli obiettivi delineati nel piano Next Generation EU, e assicurando così, quanto prima, a cittadini ed imprese un accesso efficace, efficiente, sicuro e paritario ai servizi pubblici“.

https://www.youtube.com/watch?v=ppapZivn9WQ&ab_channel=LiberiOltre

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
Enel governo open fiber Patuanelli rete unica

ultimo aggiornamento: 24-11-2020


Gualtieri: “Valutiamo il rinvio delle scadenze tributarie”. Censis: “Peggiora il tenore di vita”

Dpcm Natale, niente deroghe a bar e ristoranti: verso la conferma della chiusura alle 18