I Carabinieri di Barcellona Pozzo di Goto riprendono le indagini su Salvatore Chiofalo, allevatore scomparso nel 2016.

Sono state le nuove tecnologie ad incentivare la squadra militare di Messina a riprendere le ricerche sul caso di Salvatore Chiofalo. L’allevatore 32enne scomparve 6 anni fa senza lasciare tracce, alcune persone erano già state indagate sul presunto omicidio e sparizione del giovane. Ad oggi, una delle ipotesi più concrete potrebbe essere quella di un rapimento e uccisione da parte di un mafioso locale.

Carabinieri
Carabinieri

Su delega della Procura di Messina, i Carabinieri della compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto hanno ripreso le indagini nell’area boschiva e montana a Longano, dove vennero trovate importanti tracce del giovane. Salvatore Chiofalo era un allevatore siciliano di 32 anni, ma nel 2016 improvvisamente si persero le sue tracce.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le indagini

Le tecnologie avanzate utilizzate attualmente dai militari potrebbero rintracciare delle prove riconducibili al ragazzo. Gli spostamenti di Chiofalo vengono ricostruiti grazie all’utilizzo di droni e attraverso sopralluoghi effettuati mediante il sorvolo operato dal 12°Nucleo Elicotteri di Catania. Il cerchio si stringe sulle montagne di Barcellona Pozzo di Gotto dove, nell’aprile 2021, venne rinvenuto un teschio umano.

Vengono effettuati degli esami di laboratorio sul teschio per estrarre il DNA e confrontarlo con il patrimonio genetico dei parenti dello scomparso. L’ipotesi è dunque che quel reperto osseo appartenesse proprio a Chiofalo, ma restano ancora ignote le eventuali cause della sua morte. Risultano già indagate varie persone per l’uccisione e la soppressione del cadavere di Chiofalo.

L’ipotesi a cui si da più conto è che quella del giovane fosse un caso di lupara bianca, dato che il suo fuoristrada fu trovato in Contrada Praga, area ubicata sulle alture dell’entroterra di Barcellona, nota per il ritrovamento di cadaveri di giovani barcellonesi rapiti e inghiottiti dalla “lupara bianca” per decisione del “Gotha” mafioso locale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-11-2022


Caso Meredith Kercher, “Amanda Knox voleva aiutare”

Caso Daniele: pensionato suicida, “Potremmo denunciare le Iene”