Cosa significa l’espressione ribilanciamento del portafoglio d’investimento? E come si verifica tale ribilanciamento?

Ribilanciamento del portafoglio

Questo termina indica la modifica che viene effettuata al portafoglio d’investimento e che ha specifiche finalità quali quella di renderlo più coerente con la situazione di mercato.
Ribilanciare il portafoglio significa modificare la sua composizione.
Tale operazione può essere fatta in diverse maniere, una di queste è ad esempio aggiungendo nuovi titoli e rimuovendone altri.
Un altro modo è quello di comprare o vendere specifiche quote di titoli per spostare i pesi sulle differenti Asset Class.

Perché è importante ribilanciare il portafoglio

E’ importante effettuare tale ribilanciamento perché mantenere un portafoglio ben bilanciato nel tempo calcolando informazioni e come il mercato si snoda permette di essere oculati e di diversificare domanda e offerta.
Inoltre alla fase di ribilanciamento segue quella definita come Asset Allocation, ovvero un’attività che deve essere eseguita nel proseguo e che spesso viene definita come Asset Allocation Tattica.
In sostanza si tratta quindi di una prassi di mercato ben precisa quella relativa al ribilanciare  il proprio portafoglio.
La sua rilevanza deriva dal fatto che sottostimare e sovrastimare gli investimenti sulla base dei trend di breve periodo consente al soggetto investitore di evitare errori nella gestione del portafoglio.

Gli Asset Class

Queste due parole in economia e soprattutto nel mercato, vengono utilizzate per definire in gruppi le differenti tipologie di investimenti finanziari sulla base delle loro specificità e delle loro similitudini di comportamento sul mercato.
Si comprende quindi quanta importanza rivestano dopo il ribilanciamento del portafoglio e quanto le due tematiche e azioni da svolgere sia interconnesse.
Il ribilanciamento di portafoglio è uno di quegli strumenti facenti parte delle migliori pratiche suggerite da svariati investitori ed è fortemente connesso all’approccio buy and hold.
Per buy and hold si intende la strategia dell’evitare un’eccessiva negoziazione, definendo un’asset allocation strategica che va seguita nel corso degli anni.

certificato_unicasim


Cessione del quinto, quali sono gli obblighi del datore di lavoro

Il rating delle banche italiane