Ricongiungimento tra casse previdenziali: cosa comporta nel 2017?

Buone notizie per i lavoratori dalla carriera discontinua

chiudi

Caricamento Player...

Per andare in pensione è talvolta necessario il ricongiungimento tra casse previdenziali: cosa comporta dopo la legge di Stabilità 2017?

Chi sono i lavoratori dalla carriera discontinua?

La particolare congiuntura economica che l’Italia sta attraversando ha costretto un numero sempre maggiore di persone a cambiare impiego durante la propria vita lavorativa o, addirittura, a reinventarsi come lavoratori in proprio.

Questa fluidità del mercato del lavoro, sostenuta anche dall’introduzione e dall’utilizzo sempre più diffuso di contratti a tempo determinato, ha fatto sì che nel corso della propria vita lavorativa un individuo fosse costretto a versare i propri contributi a diverse casse previdenziali.

Ne conseguiva che, disperdendo i contributi, spesso non fosse raggiunta in nessuna cassa previdenziale la soglia minima di contributi necessari al pensionamento.

E’ sempre stato possibile ricongiungere i contributi versati a diversi enti previdenziali ma questa operazione risultava talvolta particolarmente onerosa. Non potendone sostenere i costi molti lavoratori finivano per rinunciare ai contributi versati in una cassa previdenziale essendo costretti ad allungare la propria vita lavorativa per raggiungere i contributi necessari al pensionamento sull’altra cassa.

Ricongiungimento tra casse previdenziali: cosa comporta?

Grazie alla Legge di Stabilità 2017 il ricongiungimento tra casse previdenziali è diventato molto meno oneroso rispetto al passato e in certi casi addirittura gratuito. Sarà possibile ricongiungere i contributi al fine di: 

  • raggiungere i contributi necessari al pensionamento anticipato
  • raggiungere i contributi necessari al pensionamento per anzianità
  • raggiungere i contributi necessari al pensionamento anticipato a cui hanno diritto i lavoratori precoci
  • ottenere un assegno pensionistico maggiore

Come detto, negli anni precedenti al 2017 la ricongiunzione dei contributi versati a diversi enti previdenziali era onerosa: coloro che l’avevano richiesta ed avevano cominciato a pagare il dovuto hanno facoltà di interrompere il pagamento e chiedere il rimborso di quanto già versato, passando a usufruire del nuovo ricongiungimento gratuito.

Una volta scelto l’istituto previdenziale in cui far confluire tutti i propri contributi la pensione verrà erogata secondo le regole consuete e senza alcuna decurtazione.

Per richiedere la ricongiungimento delle casse previdenziali è necessario compilare e presentare l’apposito modulo INPS.

Fonte immagine di copertina: Wikipedia
certificato_unicasim