Con la riforma dell’Irpef le aliquote diventano 4 (prima erano 5) e sopra i 50.000 euro di reddito si passa al 43 per cento. Cosa cambia.

Il governo ha raggiunto un accordo sulla riforma dell’Irpef andando a modificare il quadro delle detrazioni. La manovra rientra nel contesto più ampio della riforma del Fisco “C’è l’accordo politico ad agire sulle aliquote Irpef. E altrettanto un ragionamento sull’Irap che vede una scelta verticale, partendo dalle 850mila persone fisiche, autonomi e ditte individuali, aggiungendo eventualmente le start up. Questo è l’accordo politico, ora Franco ne deve parlare con Draghi, noi con i nostri partiti e poi rivederci“, ha dichiarato Gilberto Pichetto, viceministro del Mise.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Cosa prevede la riforma dell’Irpef

La novità principale della riforma è rappresentata dal fatto che le aliquote scendono da cinque a quattro. Si procede con la cancellazione dell’aliquota del quarantuno per cento e vengono ritoccate altre aliquote.

In particolare:

con reddito fino a 15.000 euro l’aliquota Irpef è al 23%
tra i 15.000 e i 28.000 euro scende al 25% (prima era al 27)
con reddito da 28.000 a 50.000 euro scende al 35% (dal 38)
sopra i 50.000 euro sale al 43%.

Non si escludono interventi sulla no tax area e inoltre il bonus Renzi dovrebbe essere cancellato.

conti lavoro calcolatrice
conti lavoro calcolatrice

Castelli: “Gli interventi avranno una valenza strutturale”

Gli interventi avranno una valenza strutturale, non misure spot, e soprattutto saranno percettibili. Due tra le cose principali che chiedevamo. Si agirà sulle aliquote Irpef del ceto medio, ed in modo strutturale anche sull’Irap. Nei prossimi giorni ci saranno alcuni aggiustamenti di dettaglio ma l’aspetto importante è che si è trovato un equilibrio tra forze politiche, perfettamente in linea con l’indirizzo Parlamentare. Il lavoro è stato molto positivo“, ha dichiarato Laura Castelli al termine dell’incontro al Mise del 25 novembre.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

governo Draghi

ultimo aggiornamento: 26-11-2021


Trattato del Quirinale, cos’è e cosa prevede l’accordo tra Italia e Francia

Variante sudafricana, Speranza: “Sono preoccupato. Fase non semplice”