Rimborsi fiscali Agenzia delle Entrate

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Aumentano i rimborsi fiscali per coloro che hanno presentato la dichiarazione dei redditi: salgono a 20 miliardi di euro i rimborsi Irpef per i redditi 2016

Cresce notevolmente il numero dei contribuenti che hanno presentato la dichiarazione dei redditi risultando a credito. Per le dichiarazioni 2016 è prevista la cifra record di 20 miliardi di euro per rimborso IRPEF agli italiani.

Rimborso in busta paga

La dichiarazione dei redditi 2016 è stata presentata da circa 21 milioni di italiani con un importo medio di rimborso di circa 950 euro a persona. Cifre importanti anche se non va dimenticato che si tratta di soldi trattenuti sulla busta paga del lavoratore in quanto in eccesso rispetto al conteggio totale fatto considerando redditi e deduzioni. In realtà si tratta di un rimborso in busta paga dei contribuenti, in quanto sono soldi del lavoratore. Stando ad un ricerca realizzata con oggetto la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche, negli ultimi 5 anni il rimborso IRPEF è aumentato del +26% passando dai 19,6 miliardi per l’anno 2015 ai 20 miliardi per l’anno 2016. Si tratta di oneri deducibili riguardanti spese mediche, polizze vita ed infortuni, bonus ristrutturazione casa, ecc.

La classifica “credito fiscale”

Se i contribuenti con le dichiarazioni a credito sono circa 21 milioni quelli con le dichiarazioni a debito sono 5,3 milioni per un importo che supera i 7 miliardi di euro. La classifica del credito fiscale più alto vede al primo posto il Trentino Alto Adige con 1340 euro a testa a Bolzano. Al secondo posto la Valle d’Aosta con 1.070 euro a testa e la Lombardia con 1060 euro. Fanalini di cosa la regione Sicilia e Basilicata con 760 euro a testa. Il rimborso INPS, invece, è disponibile per alcune categorie di lavorato che hanno versato più del dovuto. In questo caso viene riconosciuto un esonero contributivo oppure una riduzione che comporta un rimborso delle somme in eccesso. Il rimborso è disponibili per artigiani e commercianti, lavoratori agricoli autonomi, datori di lavoro domestico e lavoratori iscritti alla Gestione Separata.certificato_unicasim

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 26-08-2017

Guide News Mondo

Per favore attiva Java Script[ ? ]