Avete richiesto il rimborso dell’IRPEF direttamente in busta paga e non sapete come funziona? Volete sapere quali sono i tempi? Qui ve lo spieghiamo

Nel caso in cui si opti per ricevere i rimborsi IRPEF tramite accredito su busta paga, quindi solo per chi fa la dichiarazione dei redditi con il modello 730, vorrà sapere come funziona e i tempi di quest’accredito. Sarà il vostro datore di lavoro a tener conto di cosa è risultato dalla dichiarazione dei redditi e, in quanto sostituto d’imposta, dovrà procedere al conguaglio del rimborso fiscale.

QUANDO E COME AVVIENE L’ACCREDITO IN BUSTA PAGA?

Solitamente i rimborsi fiscali in busta paga vengono accreditati a partire dal mese di luglio, mese in cui i sostituti d’imposta saranno tenuti ad accreditarli. Per far ciò dovranno tener conto di cosa è emerso dalla dichiarazione stessa. Nel caso di un credito a vostro favore, il datore di lavoro procederà a ridurre il valore complessivo dell’IRPEF o delle addizionali comunaliregionali, in modo tale da corrispondervi quanto dovuto. Se invece l’ammontare del credito superi il valore totale dell’IRPEF, questo verrà rimborsato in varie mensilità.

E SE EMERGE UN DEBITO, COME FUNZIONA?

Nel caso contrario, ovvero se sia emerso un vostro debito nei confronti dell’Erario, il procedimento che seguirà il datore di lavoro sarà l’inverso. Quindi il vostro sostituto d’imposta tratterrà, in busta paga, una parte della vostra retribuzione in modo tale da poter effettuare il conguaglio del debito con l’Agenzia delle Entrate. Come nel caso del credito, anche per il debito nel caso in cui sia impossibile saldalo tutto nella prima mensilità, si procederà con un rimborso su più mensilità, con un tasso d’interesse mensile dello 0,40%.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 13-02-2017


Come ottenere i rimborsi fiscali tramite Unico

Simulare un Finanziamento perché conviene