Un tunisino di 30 anni è stato arrestato dai carabinieri di Rimini per aver picchiato la sua ragazza. L’uomo era appena uscito dal carcere.

RIMINI – I carabinieri di Rimini hanno arrestato un tunisino di 30 anni, accusato di aver picchiato la compagna. Il fermato era appena uscito dal carcere, dove aveva scontato una pena per violenza sempre nei confronti della fidanzata. Ma al suo ritorno a casa ha nuovamente mandato la donna in ospedale.

Immediata la chiamata agli inquirenti che hanno riportato l’uomo in prigione. Questa volta – a differenza dell’ultima condanna – difficilmente potrà avere i benefici previsti dalla legge vista la reiterazione del reato.

Carabinieri
Carabinieri (fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/)

Rimini, in manette un tunisino per violenza sulla compagna

La vicenda risale ai primi giorni di novembre quando la ragazza è finita in ospedale dopo essere stata picchiata violentemente dal suo compagno. Le violenze sono iniziate subito dopo l’uscita dal carcere ma l’episodio più violento ha fatto scattare l’arresto del tunisino.

L’uomo ora si trova in carcere con il magistrato che ha convalidato il fermo. La prima volta ha scontato solamente tre anni di condanna, uscendo in anticipo per i benefici previsti dalla legge. Questa volta per lui si prospetta una pena più lunga visto che si tratta di una reiterazione del reato. Secondo quanto testimoniato dalla donna, negli ultimi mesi le ha fatto assumere contro la sua volontà anche sostanze stupefacenti. I controlli medici dovrebbero aver confermato questa ipotesi.

Le condizioni della ragazza non sono molto gravi. La donna ora dovrà ricostruirsi una nuova vita lontana dal suo carnefice.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/


Scuola, stop all’obbligo dei certificati medici per le assenze: ecco tutte le regioni

Omicidio Desirée Mariottini, lo spacciatore resta in carcere