Jack Miller rinnova con la Ducati fino al 2022. Il prolungamento è stato ufficializzato alla vigilia del GP d’Italia.

ROMA – Jack Miller rinnova con la Ducati fino al 2022. Gli ottimi risultati ottenuti in questo inizio di stagione dall’australiano, hanno portato la scuderia di Borgo Panigale a confermare anche per il prossimo Mondiale il pilota ex Pramac.

Non sembrano esserci particolari novità per il team italiano in ottica 2022 per i piloti. Al suo fianco, tranne delle sorprese dell’ultimo minuto, dovrebbe essere confermato ancora una volta Bagnaia con Zarco e Martin in Pramac. L’unico dubbio è legato a Bastianini in caso di accordo con il team di Valentino Rossi.

Miller: “Sono felice del rinnovo”

Soddisfatto Jack Miller dopo il rinnovo. “Sono davvero felice – il suo primo commento ai microfoni ufficiali della Ducatidi poter continuare la mia avventura con la Ducati. Vestire questi colori per me è davvero un onore […]. Devo ringraziare tutto il team che ha risposto sempre fiducia in me. Adesso posso concentrarmi esclusivamente sulla stagione in corso: siamo quarti in classifica, non distanti dai primi, ed il campionato è ancora molto lungo. Farò del mio meglio per proseguire in questo trend positivo e continuare a lottare per il titolo […]“.

Jack Miller
Jack Miller

Dall’Igna: “Jack ha dimostrato grande talento”

Anche da parte della Ducati c’è soddisfazione per il rinnovo. “Jack in questa prima parte di stagione ha messo in mostra il suo grande talento – il commento di Gigi Dall’Igna, direttore generale del team – riuscendo a centrare due vittorie importanti dopo un inizio complicato. E’ sicuramente uno dei piloti che riescono ad interpretare al meglio la nostra Demosedici, sfruttando il suo potenziale al massimo in qualsiasi condizione […]. Il nostro obiettivo rimane come sempre il titolo mondiale e crediamo che con Jack e Pecco (Bagnaia n.d.r.) potremo essere tra i protagonisti della lotta iridata anche nel 2022“.


Covid, il Green pass sullo smartphone. Ecco come funzionerà

Monaco, individuato il problema che ha costretto Leclerc al ritiro