Rinviati a giudizio i genitori di Matteo Renzi

Rinviati a giudizio di genitori di Matteo Renzi. Nel mirino una serie di fatture false versate nelle casse della Tramor Srl.

Torna a far discutere il caso legato a possibili illeciti commessi dai coniugi Renzi, i genitori dell’ex presidente del Consiglio e segretario del Pd Matteo Renzi. Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono stati rinviati a giudizio con l’accusa di aver emesso, tramite le proprie società, fatture false destinate sempre alla stessa società, la Tramor srl, finita anche questa sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti che vogliono fare luce sui legami tra le parti.

Fatture false, rinviati a giudizio i genitori di Matteo Renzi

Le imprese finite nel mirino degli inquirenti sono la Party e la Eventi 6. Stando alle accuse, tramite le società sarebbero state emesse fatture false in favore della Tramor Srl in cambio di operazioni inesistenti. Di fatto venivano pagati servizi mai svolti. Anche il titolare della Tramor è stato rinviato a giudizio.

Matteo Renzi
Matteo Renzi (fonte foto https://twitter.com/RaiNews)

I legali dei coniugi Renzi sicuri dell’innocenza dei propri assistiti

Continua a essere certo dell’innocenza dei suoi assistiti il legale dei coniugi Renzi, l’avvocato Federico Bagattini: “Siamo certi di poter dimostrare in sede processuale l’assoluta correttezza dei comportamenti tenuti dai signori Renzi“. Al momento le prove e le testimonianze presentate, insieme con gli gli incartamenti e i documenti delle due società, non sono bastate per fare luce sulla vicenda sulla quale il Tribunale di Firenze vuole andare fino in fondo e non per i possibili risvolti politici e mediatici della vicenda.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 04-09-2018

Nicolò Olia

X