Riapertura della scuola, si valuterebbe l’ipotesi di procedere con test sierologici per docenti e personale.

Stando a quanto riferito dall’AGI, il governo e il Comitato Tecnico Scientifico starebbero valutando l’ipotesi di procedere con test sierologici a docenti e personale in vista della riapertura della scuola. Che secondo i piani della ministra Azzolina dovrebbe avvenire già ad inizio settembre per il recupero delle materie.

Riapertura della scuola, test sierologici su docente e personale?

L’ipotesi riportata dall’AGI è quella di sottoporre a test sierologici il docente e il personale delle scuole prima del prossimo 14 settembre, data prevista per la riapertura.

Valutazioni in corso

Secondo quanto riferito dall’AGI, la proposta avrebbe incontrato il favore del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che avrebbe lasciato aperto uno spiraglio per il confronto sul tema

I problemi da risolvere per la riapertura delle scuole

Non ci sono dubbi sul fatto che la riapertura della scuola rappresenti un nodo difficile da sciogliere per il governo, finito nel mirino delle opposizioni anche per la decisione di non riaprire i cancelli per la fine dell’anno scolastico 2019-2020, come accaduto in altri Paesi.

L’Italia paga lo scotto di un problema storico, quello del sovraffollamento delle classi. Che diventa un problema critico nella fase di convivenza con il coronavirus, quando la parola d’ordine è distanza fisica per limitare i contagi.

Come tanti altri settori del Sistema Italia, anche la scuola ha scoperto di non essere decisamente al passo con i tempi. Anche il mondo dell’Istruzione è tenuto a sfruttare l’emergenza coronavirus come trampolino di lancio per riprendere la corsa verso il futuro. Il panorama è complesso. Si va dall’occupazione dei docenti al sistema e al modello di istruzione passando per la digitalizzazione.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca politica scuola

ultimo aggiornamento: 23-06-2020


Tensione negli Usa, manifestanti provano ad abbattere statua di Jackson

Alluvione Genova, l’ex sindaca Marta Vincenzi patteggia a 3 anni