Rischio incendio e problemi alle portiere, Ferrari richiama oltre 500 auto

Problemi alle portiere e macchine a rischio incendio, la Ferrari richiama oltre cinquecento macchine dalla Cina.

Problemi per la GTC4Lusso e la GTC4Lusso T della Ferrari che per un problema di produzione sono a rischio incendio. Per questo motivo la casa automobilistica ha deciso di richiamare 524 auto, tutte prodotte tra il 13 luglio 2016 e il 6 dicembre 2018.

Ferrari, ritirate automobili a rischio incendio e con problemi alle portiere

La Ferrari ha richiamato 524 automobili vendute in Cina, macchine con problemi alla chiusura delle porte e a rischio incendio. Si tratta delle GTC4Lusso e GTC4Lusso T prodotte tra il 13 luglio 2016 e il 6 dicembre 2018. Il richiamo avverrà in conformità con le regole stabilite dall’Amministrazione per la regolamentazione del mercato (Saic)

Un primo problema ai modelli di automobile è legato a un problema alla serratura della porta che potrebbe comportare l’impossibilità ad aprire la macchina usando le apposite maniglie installate all’esterno della vettura.

Ferrari
Fonte foto: https://www.facebook.com/Ferrari

Il secondo problema, quello definito come più grave e preoccupante, interessa invece un difetto legato al separatore di vapori di carburanti soggetto a rottura. Questo porterebbe alla fuoriuscita di fumi che aumentano il rischio di incendio.

Come specificato dai vertici della casa automobilistica si tratta di due campagne di richiamo differenti che interessano auto diverse.

La casa automobilistica provvederà alla riparazione gratuita dei danni

La Ferrari, che ha optato per il richiamo dei veicoli in questione, ha fatto sapere che procederà con la riparazione totalmente gratuita delle componenti difettose.

La Ferrari nel mercato cinese

L’ultimo bilancio pubblicato dalla casa di Maranello ha evidenziato una forte crescita per quanto riguarda i conti. I numeri sorridono grazie all’aumento delle vendite in tutto il mondo e anche e soprattutto in Cina, dove la Ferrari ha fatto registrare un +12,6% rispetto al 2017. I numeri sono ancora più soddisfacenti se si considera che la Rossa aveva fatto già registrare uno storico +26% circa.

ultimo aggiornamento: 15-04-2019

X