Il governo ragiona sulle prossime riaperture: tra le ipotesi che circolano anche l’inizio del coprifuoco a mezzanotte e l’apertura serale dei ristoranti.

Il premier Mario Draghi ha chiesto agli esperti di lavorare ai protocolli per le riaperture. Riaperture che dovranno essere progressive ma significative. Dovrà trattarsi di un intervento concreto che possa permettere ai gestori dei locali e agli imprenditori di guadagnare. Da qui ad esempio l’idea di lavorare per tenere aperti i ristoranti anche la sera. Nel governo c’è la consapevolezza che la riapertura dei locali fino alle ore 18.30 è sostanzialmente una mossa di facciata. Molti ristoranti vivono del servizio serale, così come molti locali che a pranzo neanche sono aperti. Quindi per rimettere in moto il settore si deve arrivare a riaprire nel minor tempo possibile e in massima sicurezza. Difficile ma non impossibile.

Mario Draghi
Mario Draghi

Le ipotesi sulle riaperture: ristoranti aperti al pubblico anche la sera e coprifuoco a mezzanotte

Le ipotesi che circolano e che saranno sul tavolo in occasione del prossimo confronto tra ministri ed esperti sono la riapertura dei ristoranti anche la sera e l’inizio del coprifuoco a mezzanotte. Le Regioni, ormai in pressing costante sul governo, dovrebbero chiedere la riapertura serale dei locali ma sfruttando gli spazi esterni. Ovviamente per fare questo si deve posticipare il coprifuoco, che ad oggi scatta alle ore 22.00.

Ora resta da capire se queste richieste possano effettivamente essere prese in considerazione e da quando.

Buona parte delle Regioni e una parte del governo si augura le riaperture possano essere disposte da subito nelle Regioni con uno scenario di rischio basso. Con i numeri da zona Gialla, per intenderci. Il fronte rigorista chiede invece di mantenere le restrizioni in vigore fino alla fine del mese di aprile e di procedere con progressive riaperture a partire dal mese di maggio.

Sicuramente si procederà con una valutazione sullo stato della campagna vaccinale, sia a livello nazionale che a livello regionale. Mario Draghi ha ribadito che le riaperture passano per le vaccinazione e in particolar modo per le vaccinazioni ai soggetti fragili, che devono essere messi in sicurezza nel minor tempo possibile.

Ristorante
Ristorante

Il confronto

La data-chiave dovrebbe essere quella di giovedì, quando si terrà il confronto decisivo sulle riaperture. Il governo, che potrà già confrontarsi sui dati epidemiologici della settimana, farà il punto della situazione decidendo se e dove procedere con le riaperture anticipate e che tipo di aperture autorizzare. Inoltre il governo dovrà iniziare anche a confrontarsi sul prossimo decreto, quello che regolerà la vita nel mese di maggio. Il prossimo provvedimento sarà sicuramente meno restrittivo di quello in vigore ma, come abbiamo imparato in questo anno di emergenza sanitaria, programmare le riaperture non è cosa semplice.

TAG:
coronavirus governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 14-04-2021


Fda: “Vaccini Pfizer e Moderna immunizzerebbero per nove mesi”

Caso Johnson and Johnson, come cambia la campagna di vaccinazione in Italia