Pubblicati i risultati di un nuovo studio sul Covid: il primo caso potrebbe risalire ad una venditrice del mercato di Wuhan.

ROMA – I risultati di un nuovo studio sul Covid ha aperto il nuovo dibattito sulla nascita del virus. Secondo quanto riferito da una ricerca effettuata dal virologo Michael Worobey e citato dal Corriere della Sera, il primo contagio potrebbe risalire all’11 dicembre 2019 e ad una donna venditrice al mercato di Wuhan.

Si tratta di uno studio che sembra essere destinato nuovamente a riaprire il dibattito sulla natura di questo virus. I dubbi sono diversi e sicuramente le ricerche continueranno nei prossimi mesi e non sarà semplice arrivare ad una soluzione definitiva.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il ruolo del mercato di Wuhan

Ormai da diverso tempo ci si chiede del ruolo del mercato di Wuhan in questa pandemia. Secondo lo studio, il Covid è partito proprio da questa struttura che ha delle dimensioni di un campo di calcio. Ma, come detto, le incertezze sono diverse e non si hanno certezze sulla natura di un virus che, ormai da diversi mesi, sta mettendo in ginocchio l’intero mondo.

Le ricerche sulla natura del virus continuano e non sono escluse delle novità importanti nei prossimi mesi su una vicenda che ormai è sulle pagine di cronaca dal 2020.

Coronavirus
Coronavirus

Le ipotesi sulla nascita del Covid

Come detto in diverse occasioni, le ipotesi sulla nascita del Covid continuano ad essere due. La prima è quella del mercato di Wuhan con un salto di specie dall’animale all’uomo, ma c’è anche chi continua a parlare di un virus fuggito da un laboratorio della città cinese.

Non abbiamo nessuna certezza e gli studi proseguiranno nei prossimi mesi per provare ad arrivare a capire l’origine di questa pandemia. Ma, come ribadito più di una volta, non sarà semplice per diversi motivi arrivare ad una verità.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus

ultimo aggiornamento: 19-11-2021


Caso Open Arms, Richard Gere: “Ho provato vergogna”

Covid, restrizioni per i No Vax dalla zona gialla