Il 23 agosto 1945 nasce a Torino Rita Pavone, una delle cantanti italiane più famose, anche all’Estero. Ha vinto due volte il Cantagiro.

Rita Pavone nasce il 23 agosto 1945 a Torino. La sua passione per la musica è precoce e fin da giovanissima si esibisce sul palcoscenico.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Rita pavone: “sul cucuzzolo” e gli altri successi degli anni ’60

A partire dal 1963 Rita Pavone raggiunge una vasta popolarità: già nei primi mesi dell’anno – ancora minorenne – le vendite dei suoi dischi superano il milione di copie vendute. Escono alcuni singoli di enorme successo: La partita di pallone, che il 16 febbraio 1963 arriva al primo posto in hit-parade per due settimane, e Sul cucuzzolo (scritte da Edoardo Vianello); Alla mia età; Come te non c’è nessuno, che dal successivo 2 marzo resta in vetta per 9 settimane; Il ballo del mattone, che l’8 giugno 1963 arriva prima restandoci per tre settimane; Cuore, versione italiana della hit statunitense scritta da Barry Mann e Cynthia Weil e interpretata da Wayne Newton; Datemi un martello.

La vittoria al Cantagiro

Finita addirittura nel saggio di Umberto Eco “Apocalittici e integrati”, Rota Pavone vince nel 1965 il “Cantagiro” con la canzone Lui. Nel 1967 vince nuovamente il “Cantagiro” con il brano scritto da Lina Wertmuller e Luis Enriquez Bacalov Questo nostro amore.

https://www.youtube.com/watch?v=n8shEadHXmM

Rita Pavone popolare all’Estero

Grande è stata la popolarità a livello internazionale. Molte sono le etichette per le quali Rita incide: Decca nel Regno Unito; Teldec e Polydor in Germania; Barclay, RCA e Phonogram in Francia e infine, RCA Victor per gli Stati Uniti, Giappone e tutto il Sud America. Negli Stati Uniti è stata cinque volte ospite della trasmissione Ed Sullivan Show. In una puntata Rita Pavone vi appare sul cartellone quale terzo nome dopo Duke Ellington ed Ella Fitzgerald.

ultimo aggiornamento: 23-09-2021


Giancarlo Siani, il giornalista ucciso dalla Camorra

Riccardo Illy, l’imprenditore del caffè, sindaco di Trieste e presidente della Regione