Il 23 agosto 1945 nasce a Torino Rita Pavone, una delle cantanti italiane più famose, anche all’Estero. Ha vinto due volte il Cantagiro.

Rita Pavone arriva a 75! La cantante è infatti nata il 23 agosto 1945 a Torino. La sua passione per la musica è precoce e fin da giovanissima si esibisce sul palcoscenico.

I grandi successi degli Anni ’60

A partire dal 1963 Rita Pavone raggiunge una vasta popolarità: già nei primi mesi dell’anno – ancora minorenne – le vendite dei suoi dischi superano il milione di copie vendute. Escono alcuni singoli di enorme successo: La partita di pallone, che il 16 febbraio 1963 arriva al primo posto in hit-parade per due settimane, e Sul cucuzzolo (scritte da Edoardo Vianello); Alla mia età; Come te non c’è nessuno, che dal successivo 2 marzo resta in vetta per 9 settimane; Il ballo del mattone, che l’8 giugno 1963 arriva prima restandoci per tre settimane; Cuore, versione italiana della hit statunitense scritta da Barry Mann e Cynthia Weil e interpretata da Wayne Newton; Datemi un martello.

La vittoria al Cantagiro

Finita addirittura nel saggio di Umberto Eco “Apocalittici e integrati”, Rota Pavone vince nel 1965 il “Cantagiro” con la canzone Lui. Nel 1967 vince nuovamente il “Cantagiro” con il brano scritto da Lina Wertmuller e Luis Enriquez Bacalov Questo nostro amore.

https://www.youtube.com/watch?v=n8shEadHXmM

Rita Pavone popolare all’Estero

Grande è stata la popolarità di Rita Pavone a livello internazionale. Molte sono le etichette per le quali Rita incide: Decca nel Regno Unito; Teldec e Polydor in Germania; Barclay, RCA e Phonogram in Francia e infine, RCA Victor per gli Stati Uniti, Giappone e tutto il Sud America. Negli Stati Uniti è stata cinque volte ospite della trasmissione Ed Sullivan Show. In una puntata Rita Pavone vi appare sul cartellone quale terzo nome dopo Duke Ellington ed Ella Fitzgerald.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Alla scoperta di Daniele Orsato, dai cavi elettrici alle partite ad alta tensione

Ambrogio Fogar, quindici anni fa se ne andava l’esploratore e navigatore italiano