Rapita nel 1987 quando aveva tredici anni, donna argentina ritrovata in Bolivia trent’anni dopo la sua scomparsa.

Si è conclusa con un inaspettato lieto fine la storia di una ragazza argentina, rapita nel 1987 quando aveva appena tredici anni. La ragazza, diventata ormai una donna, è stata ritrovata in Bolivia.

Tredicenne rapita da trafficanti di esseri umani che l’hanno costretta a prostituirsi e a vivere in prigionia

Le operazioni di ricerca e recupero sono state condotte dalla polizia argentina in collaborazione con le autorità boliviane. Stando a quanto emerso nel corso delle indagini, la ragazza era stata rapita dai trafficanti di esseri umani che l’hanno costretta a prostituirsi e a vivere in stato di prigionia anche dopo la nascita di suo figlio.

La soffiata dalla Bolivia a trent’anni di distanza dal rapimento della ragazza argentina

Quando il caso sembrava ormai definitivamente chiuso con un fallimento, le autorità argentine hanno ripreso in mano il fascicolo dopo una soffiata arrivata dalla Bolivia a più di trent’anni dal rapimento della giovane.

L’operazione congiunta condotta dalle autorità argentine e quelle boliviane

La donna e il figlio, localizzati dalle autorità argentine e da quelle boliviane, sono stati liberati da un’operazione congiunta condotta dalle forze di polizia. I due prigionieri sono stati trovati in condizioni allarmanti, costretti  a vivere in un garage dove erano legati e tenuti sotto osservazione dai loro carcerieri. A mamma e figlio, inoltre, erano stati sottratti i documenti.


Bambino deluso da Babbo Natale chiama la polizia. E gli agenti… ‘indagano’

Russia, Putin esulta: testato il missile ipersonico