Rivolta in carcere in Venezuela, almeno trenta le vittime

Rivolta in carcere, trenta morti in Venezuela

Rivolta in carcere a Caracas, Venezuela: il bilancio di almeno trenta vittime. Sulla vicenda girano diverse versioni, i parenti dei detenuti chiedono la verità.

È di almeno trenta vittime il bilancio di una rivolta scoppiata in un carcere del Venezuela. La violenta protesta dei detenuti è avvenuta in una prigione di Caracas.

Le poche informazioni che circolano sulla vicenda sono state fornite dall’Observatorio Venezolano de Prisones, un’organizzazione non governativa.

Le cause della rivolta: tre versioni dei fatti comunicate dalle autorità e dalle Ong

Stando a quanto appreso la rivolta è stata organizzata dai detenuti per protestare contro la morte di un detenuto, avvenuta solo pochi giorni prima. Non sono state specificate in questo caso le cause del decesso del detenuto.

Stando a quanto riferito da Sky, invece, che cita un uomo della sicurezza del carcere, lo scontro tra detenuti e forze dell’ordine è scoppiato in seguito a un tentativo di evasione di massa.

Esiste addirittura una terza versione dei fatti, secondo cui i prigionieri si sono ribellati dopo la polizia venezuelana ha portato via con la forza le loro mogli e le loro fidanzate, andate a visitarli.

Sono poche anche le informazioni che arrivano dalle fonti istituzionali venezuelane, sicuramente di fronte a una pagina decisamente nera della propria cronaca nazionale.

Gravissimo il bilancio della ribellione in carcere: almeno trenta morti

Il bilancio di trenta vittime trasforma la repressione in una strage e getta un dubbio sulla vicenda. Come è possibile che sia stato necessario soffocare la rivolta nel sangue? Non si sarebbe potuto intervenire in maniera più tempestiva contro detenuti disarmati se con armi di fortuna comunque mortali.

ultimo aggiornamento: 25-05-2019

X