Roberto Calasso è morto nella notte tra il 28 e il 29 luglio a Milano. Aveva 80 anni e combatteva da tempo contro la malattia.

È morto all’età di 80 anni Roberto Calasso, scrittore ed editore, noto e apprezzato per la penna raffinata, per il suo sguardo sempre lucido e mai banale e per la raffinatezza di Adelphi, la sua casa editrice.

Lutto nel mondo della cultura, è morto Roberto Calasso

Roberto Calasso si è spento nella notte tra il 28 e il 29 luglio dopo una lunga malattia. Lo scrittore ed editore aveva ottant’anni.

Chi era Roberto Calasso

Cresce con una sconfinata passione per la lettura che coltiva sin da giovanissimo. Legge i classici italiani, opere internazionali, mitologia classica. Legge di fatto tutto senza inquadrarsi o confinarsi in una corrente ideologica o politica.

Sono nato in mezzo ai libri. Mio padre, che era storico del diritto, lavorava per lo più su testi stampati fra l’inizio del Cinquecento e la metà del Settecento. Molti erano i volumi in-folio. Impossibile non vederli. Anche mio nonno Ernesto Codignola, che insegnava Filosofia all’Università di Firenze e fondò la casa editrice La Nuova Italia, aveva una biblioteca notevole, soprattutto di storia e filosofia, oggi incorporata nella biblioteca della Scuola Normale di Pisa“, ricordava Calasso parlando di sé e dei suoi primi incontri con i libri.

Eredita la passione per l’editoria dal nonno materno e nel 1971 diventa direttore editoriale di Adelphi. Alla fine degli anni Novanta della casa editrice sarebbe diventato addirittura Presidente.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Adelphi
Fonte foto: https://www.facebook.com/AdelphiEdizioni

La vita privata

Per quanto riguarda la vita privata, Calasso era sposato con Fleur Jaeggy, scrittrice svizzera di grande successo e di una rara finezza intellettuale.


Covid, problemi per Pfizer: l’efficacia diminuisce dopo sei mesi. Si valuta la terza dose

Terremoto di magnitudo 8.2 al largo della penisola di Alaska. Diramata allerta tsunami