Roma, giornalisti de L’Espresso aggrediti al Verano

Disavventura per due giornalisti de L’Espresso. I cronisti sono stati aggrediti a Roma durante il ricordo dei morti di Acca Larentia.

ROMA – Nuova aggressione di stampo fascista nei confronti di due giornalisti. Federico Marconi e Paolo Marchetti, rispettivamente cronista e fotografo de L’Espresso, sono stati picchiati violentemente durante il ricordo dei morti di Acca Larentia al cimitero del Verano. Secondo quanto racconta il giornale sul proprio sito, tra le persone responsabili di questo pestaggio c’è anche il capo di Forza Nuova Roma che non ha rispettato il regime di sorveglianza speciale.

Secondo una prima ricostruzione, il gruppo dei fascisti si è dato appuntamento nel pomeriggio al cimitero per commemorare le vittime. I cronisti erano sul posto per narrare quanto successo ma i rappresentati di questi due gruppi con spinte e minacce volevano la scheda di memoria della macchina fotografica e poi hanno avvicinato e aggredito il giornalisti.

Carabinieri
Carabinieri (fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/)

Roma, Salvini sull’aggressione ai giornalisti de L’Espresso: “Queste persone devono andare in galera”

L’aggressione ha provocato diverse reazione nel mondo politico. Il primo è stato Matteo Salvini che ha condannato con forza il gesto: “Il posto giusto per chi mena – riporta Repubblica è la galera. Cercheremo di capire perché uno di loro sottoposto a sorveglianza speciale era in libertà. Sono arrivati e saranno utilizzati a giorni mille nuovi braccialetti elettronici“.

Dal Partito Democratico chiedono al ministro dell’Interno di riferire in Aula quanto successo: “L’aggressione è un fatto molto grave – – sottolinea Emanuele Fiano capogruppo alla Camera – e soprattutto la conferma del momento difficile che sta vivendo il nostro Paese. Rappresenta il frutto amaro anche di un brutto clima alimentato da una certa politica che flirta con questi ambienti“.

Domani – conclude il democratico – presenteremo alla Camera una interrogazione rivolta al ministro degli Interni. Salvini venga urgentemente in Parlamento a spiegare agli italiani come intende mettere il freno a questa deriva di intolleranza e autoritarismo“.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/carabinieri.it

ultimo aggiornamento: 07-01-2019

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X