Allarme bomba all’aeroporto di Fiumicino, Roma. Paura per una macchina sospetta parcheggiata nei pressi dello scalo.

Paura e tensione all’aeroporto di Fiumicino (Roma), dove è scattato un allarme bomba per la presenza di una macchina sospetta parcheggiata in prossimità del complesso aeroportuale, uno dei maggiori in Italia.

In seguito alle segnalazioni sono stati allertati gli artificieri. Le autorità hanno isolato la zona in attesa che venga analizzata la macchina sospetta e venga quindi chiarito se rappresenti effettivamente un pericolo o meno.

I controlli sulla vettura sono durati un’ora circa e non sono state rinvenute tracce di esplosivo a bordo dell’abitacolo. Nessun rischio dunque per i residenti e gli automobilisti.

Artificieri
fonte foto https://www.facebook.com/poliziadistato.it/

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Roma, allarme bomba all’aeroporto di Fiumicino

L’allerta è scattata intorno alle otto di mattina quando, nei pressi dello scalo aeroportuale, è stata notata una macchina sospetta, parcheggiata ma con il motore acceso, senza persone nei dintorni.

Immediata la chiamata alle autorità con l’intervento sul posto degli Artificieri della Polizia.

In via precauzionale le strade limitrofe a quella dove è stata rinvenuta l’auto sono state chiuse al traffico, con la circolazione che ha subìto notevoli rallentamenti per il disagio delle tante persone che si stavano recando all’aeroporto per prendere un volo.

Allarme bomba rientrato, i controlli hanno dato esito negativo

L’intervento degli Artificieri sull’automobile in questione sono durati un’ora circa. Al termine delle analisi la situazione è tornata in maniera graduale alla normalità visto che gli accertamenti sull’auto non hanno evidenziato rischi e non hanno confermato l’ipotesi per cui potesse trattarsi di un ordigno rudimentale destinato ad esplodere.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 02-05-2019


Migranti, continuano gli sbarchi fantasma: due barconi in Sardegna

Striscione fascista a Milano, daspo a otto ultrà della Lazio