Roma, cinque anziani morti in una Rsa a Lanuvio. Possibile intossicazione da monossido di carbonio. Indagano i carabinieri, la Procura di Velletri apre un fascicolo.

Roma, dramma in una Rsa di Lanuvio, dove almeno cinque anziani sono morti probabilmente a causa di una intossicazione da monossido di carbonio. Questa almeno è l’ipotesi più accreditata in via di verifica da parte delle autorità competenti.

Roma, strage in una Rsa di Lanuvio: morti almeno cinque anziani

Stando alle notizie emerse nella mattinata del 16 gennaio, almeno cinque ospiti di una Rsa di Lanuvio, Roma, sono morti. Altre sette sarebbero in condizioni gravi. La struttura, che era anche un centro Covid, ospitava diversi anziani.

L’allarme è scattato nella mattinata del 16 gennaio dopo che uno de dipendenti ha trovato diversi anziani ospitati nella struttura privi di sensi. Cinque di loro sono in gravi condizioni, cinque sono stati trovati già senza vita.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ospedale flebo
Ospedale flebo

Possibile intossicazione da monossido di carbonio

Secondo l’ipotesi, la causa del decesso dei cinque anziani sarebbe una intossicazione da monossido di carbonio. Questa almeno sarebbe l’ipotesi più accreditata. L’ipotesi è al vaglio delle autorità competenti che lavorano alla vicenda.

Le indagini degli inquirenti. La Procura di Velletri apre un fascicolo

Sul caso indagano i carabinieri di Lanuvio e quelli della compagnia di Velletri. Proprio la Procura di Lanuvio ha aperto un fascicolo per fare luce sulla tragedia che riporta in prima pagina le Rsa, le strutture per il ricovero degli anziani, simbolo dell’emergenza coronavirus durante la prima ondata e i primi mesi della pandemia.


Scampia, arrestato Salvatore Abruzzese: era il piccolo Totò in Gomorra

Covid, in Norvegia almeno 23 decessi legati alla vaccinazione