Roma, Atac ha deciso: concordato in bianco per tentare di salvare l’azienda

È stata presa nella giornata odierna la decisione per cercare di salvare l’azienda che ha un debito da 1,38 miliardi.

ROMA – Si è concluso poco fa il primo consiglio di amministrazione dell’Atac per cercare di salvare l’azienda che ha un debito monstre da 1,38 miliardi. La soluzione individuata è il concordato preventivo in continuità. “Oggi – ha commentato il numero uno Paolo Simioniabbiamo compiuto il primo passo concreto per il risanamento e il rilancio dell’azienda“.

La palla passerà alla giunta Raggi dopo il consiglio comunale

Il prossimo passaggio è il consiglio comunale in programma il prossimo 7 settembre. Subito dopo la palla passerà alla giunta Raggi che dovrà mettere nero su bianco una delibera da far passare di nuovo in aula Giulio Cesare in cui si spiega perché la soluzione scelta è stata ritenuta la migliore per Atac. Solo con il via libera dell’Assemblea capitolina si potrà dare il via all’iter e portare le carte ai giudici del tribunale fallimentare.

Virginia Raggi su Facebook: “Atac deve rimanere pubblica”

Virginia Raggi su Facebook commenta così: “Atac deve rimanere pubblica. Atac deve rimanere di noi tutti. Finalmente, inizia una nuova vita per Atac. Si avvia un percorso di rinnovamento totale dell’azienda di trasporti di Roma con un obiettivo chiaro: migliorare le linee, rinnovare la flotta degli autobus, la metropolitana; ridurre i tempi di attesa; dare ai cittadini i servizi che meritano; tutelare i dipendenti onesti. lniziamo un percorso che si chiama ‘concordato preventivo’ e che stiamo studiando dallo scorso anno“.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 01-09-2017

Francesco Spagnolo

X