Un cadavere è stato rinvenuto nel Tevere in zona Magliana a Roma. Sono in corso gli accertamenti per identificare il corpo.

ROMA – E’ stato rinvenuto nel Tevere un cadavere in avanzato stato di decomposizione. Sulla vicenda indagano la polizia che sta cercando di identificare il corpo ripescato in zona Magliana. Saranno decisivi gli accertamenti medici per capire a quanto risale il decesso. Solamente dopo si cercherà nelle denunce di quel periodo per provare a dare un nome e un cognome alla vittima.

Sono in corso tutti i rilievi del caso anche per capire se l’uomo si è suicidato oppure è stato ucciso. Gli inquirenti preferiscono tenere aperte tutte le piste in attesa di prove più certe su una vicenda che resta ricca di mistero.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Polizia
Fonte foto: https://www.facebook.com/poliziadistato.it/

Giallo a Roma, cadavere trovato nel tevere

Il cadavere è stato rinvenuto nelle prime ore di mercoledì 23 gennaio 2019. Sono in corso tutti gli accertamenti del caso per dare un nome ed un cognome al corpo in avanzato stato di decomposizione. Non sarà semplice identificarlo visto le condizioni ma gli inquirenti sperano di avere delle novità nelle prossime ore.

Gli agenti del commissariato di San Paolo scaveranno nelle ultime denunce per capire se il nome della persona ritrovata è presente tra gli individui scomparsi. Al momento non si esclude nessuna pista con gli inquirenti che prima vogliono avere delle prove certe. Si pensa anche ad un possibile gesto volontario ma al momento le Forze dell’Ordine preferiscono tenere il massimo riserbo sull’indagine.

Le operazioni di recupero del corpo si sono concluse in poche ore ed ora il cadavere è stato consegnato al medico legale, in attesa di avere il via libera da parte del magistrato per l’autopsia. Proprio da questa si cercherà di capire cosa realmente sia successo alla vittima ritrovata nel Tevere.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/poliziadistato.it


Bufera su Libero: ecco il titolo sulla prima pagina del quotidiano

Fondi Lega, condannato l’ex tesoriere Belsito. Assolti Umberto e Renzo Bossi