Roma-Cagliari, Di Francesco in conferenza stampa: “Non pensiamo già alla Juve”

La conferenza stampa di Di Francesco alla vigilia di Roma-Cagliari: “Nainngolan gioca nonostante la diffida? Molto probabile“.

chiudi

Caricamento Player...

È già febbre Juventus in casa Roma. La prossima settimana il club giallorosso affronterà a Torino i campioni d’Italia in un ennesimo scontro diretto per lo scudetto. Se molti opinionisti e tifosi sono già proiettati a quel match, alla vigilia di Roma-Cagliari il tecnico Di Francesco non vuol sentir parlare che dei rossoblù. Queste le sue parole in conferenza stampa, riportate dalla Gazzetta dello Sport: “Chi si accontenta prima o poi cade. E noi dobbiamo essere più cinici e concreti per segnare di più. Far riposare Nainggolan in vista della Juventus? Nainggolan potrebbe giocare, farò valutazioni tecnico-tattiche, non in base alla diffida. In settimana abbiamo fatto tante esercitazioni che stimolavano i miei giocatori a fare gol. Mi è piaciuto come si è allenato Schick, che però deve ancora migliorare la sua condizione fisica e deve crescere anche tatticamente, ma è molto intelligente. Ha grandi margini di miglioramento, anche fisici, e questa è quasi una sorpresa“.

Roma-Cagliari, la conferenza stampa di Di Francesco

A centrocampo il tecnico è piuttosto sicuro delle sue scelte: Nainggolan dovrebbe giocare, De Rossi e Strootman sono sicuri di un posto. In difesa più probabile Kolarov di Emerson Palmieri, ormai recuperato al 100%. Di Francesco chiude infine parlando di mercato e della situazione in Figc, con il suo ex compagno Tommasi tra i favoriti per la presidenza: “Io penso alle partite, è prematuro parlare del resto, poi faremo delle valutazioni, anche in base a chi è più o meno contento. Grandi club interessati a me? Io non ci penso e non voglio accontentarmi. Sono contentissimo e felicissimo di allenare qui. Tommasi ha tanti contenuti da poter esporre, è un ex calciatore ma non è mai stato solo giocatore, è nato per fare questo. Sarei molto contento se diventasse presidente o comunque se fosse a capo della federazione“.